Prima Pagina | Politica società diritti | Consiglio comunale 27 giugno 2012

Consiglio comunale 27 giugno 2012

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Consiglio comunale 27 giugno 2012

 

 

La seduta è stata aperta da un minuto di silenzio, richiesto dal capogruppo PdL, Francesco Francini, in memoria del  carabiniere Manuele Braj, morto in Afghanistan in un attentato contro il contingente di pace italiano.

Il consigliere Peloso (Pd) si è soffermato sull'incidente sul raccordo autostradale dove ha perduto la vita un motociclista. “Molti automobilisti non rispettano il codice della strada in entrata e in uscita dai distributori di carburante. Un problema aggiuntivo è la quasi totale assenza di distributori di metano lungo l'autostrada per cui molti automobilisti escono ad Arezzo, fanno il pieno e quindi rientrano in autostrada, spesso facendo un'inversione non consentita. Sarebbe quindi opportuno un “divisorio” tra le due corsie all'altezza dei distributori”.

Tulli (Sel) ha presentato un'interrogazione insieme a Rossi (Sinistra) e Barone (IdV) sulla centrale a bio masse: “Queste centrali sono virtuose solo se di piccolissime dimensioni e per rendere indipendenti, dal punto di vista energetico, medie e grandi aziende agricole. Quella proposta in Valdichiana non ha alcuna valenza di questo tipo. Propongo quindi di redigere un regolamento comunale sulle centrali a bio masse che preveda piccole dimensioni e utilizzazioni di prodotti locali. Sospensione, quindi, dell'annunciata struttura di Rigutino”. 

Il Vice Sindaco Gasperini ha dichiarato di condividere l'analisi di Tulli ed ha annunciato che l'Amministrazione sta già lavorando su questo tema.

Barone (IdV) è tornato sulla stesso tema: “sul progetto della centrale a bio masse di Rigutino, si sono svolte tre riunioni della Conferenza dei servizi delle amministrazioni pubbliche interessate. Le riunioni hanno visto una scarsissima presenza degli Enti e nessun rappresentante del Comune ha partecipato agli incontri. Chiedo quindi se il Sindaco intende seguire il percorso amministrativo con la presenza dell'Amministrazione per garantire la massima tutela dell'ambiente e della salute dei cittadini”. Barone ha quindi suggerito limitazioni della potenza massima e impianti destinati all'autoconsumo. “Sarebbe infine opportuna una richiesta di sospensiva qualora di fosse un pronunciamento positivo da parte della Conferenza dei servizi”.

Farsetti (Movimento 5 Stelle) ha chiesto spiegazioni sugli spot pubblicitari di Coingas che non ha alcuna funzione operativa. Quali costi ha dovuto sopportare Coingas? E il Sindaco condivide la scelta fatta?

Scatizzi (UdC) ha chiesto azioni congiunte con gli altri enti per mettere a disposizione degli anziani spazi refrigerati per meglio sopportare l'ondata di caldo. 

L'assessore De Robertis ha risposto che questa azione congiunta tra Comune e Asl è già in corso per programmare le iniziative necessarie.

Sempre Scatizzi ha quindi affrontato il tema dei servizi dei trasporti destinati ad essere ridimensionati con la distinzione tra domanda forte e debole. Vorremmo capire il reale dimensionamento dei servizi e i riflessi soprattutto sulle frazioni. 

Il vice Sindaco Gasperini ha ricordato che i trasferimenti dello Stato per i trasporti sono stati ridotti del 40% con inevitabili conseguenze. Adesso siamo di fronte ad una riforma complessiva del trasporto locale con un'unica gara regionale per l'intero sistema del tpl. Le risorse a disposizione a livello regionale passano da 200 a 160 milioni di euro. E' stato chiesto al Comuni di fare uno sforzo per risorse aggiuntive e la nostra amministrazione sta verificando le possibilità di razionalizzare e ottimizzare il servizio sul territorio comunale con un aumento dei chilometri garantiti.

Barone (IdV) si è infine soffermato sulla questione del personale di Arezzo e quindi sulla contrattazione decentrata. Ha chiesto al Sindaco di riferire in aula su tutta la vicenda a partire dal 5 aprile 2012 e sulle prospettive della vertenza.

Il Sindaco Fanfani ha affermato che la trattativa è in corso. La prudenza in questa situazione dovrebbe indurre ad una conclusione positiva. Ieri sera è stato firmato il verbale di conciliazione di fronte al giudice del lavoro dando un'interpretazione negoziale a quanto avvenuto. “Vorrei che si abbandonasse il concetto secondo il quale la pubblica amministrazione è assimilata a quello che una volta si chiamava il “padrone”. Noi eroghiamo servizi ai cittadini e gradirei uno sforzo per comprendere questo dato. Il merito non è poi un “mostro” ma un metodo di valutazione che utilizziamo tutti in ogni ambito di vita. E' una regola naturale che deve essere adottata anche all'interno della pubblica amministrazione. Spero che con la buona volontà di tutti si arrivi presto ad un esito positivo della trattativa”.

Centrale a biomasse di Rigutino

Interrogazione in Consiglio comunale di Marco Tulli, Roberto Barone, Aurora Rossi 

“Visto il continuo proliferare, anche sul nostro territorio, di centrali a biomasse, da ultima quella prevista nella zona industriale di Rigutino da 0,98 Megawatt.

Visto che tali centrali potrebbero configurarsi come ‘virtuose’ per l’ambiente solo se di piccolissime dimensioni ed in grado di bruciare biomasse prodotte in loco, in modo da rendere relativamente indipendenti singole unità produttive, essenzialmente aziende agricole di media o grande dimensione.

Visto che invece tali centrali per loro struttura e per il fatto di essere di fatto svincolate da ogni produzione di combustibile locale, appaiono più che altro come una speculazione che spesso non ha alcuna ricaduta sul territorio limitrofo e che non possiedono niente di sostenibile dal punto di vista ambientale dal momento che le biomasse da bruciare spesso provengono da zone molto lontane, disboscate appositamente per la produzione di palme.

Visto che tali centrali, cosi concepite, diventano un danno sia per le popolazioni locali, sia per l’intero ecosistema.

Si chiede al Sindaco

Se non reputa necessario, cosi come avvenuto per il comune di Lucignano,  di dotare questo Comune di un regolamento proprio, rispetto a problematiche come quelle in oggetto.

Se non ritiene necessario, nel frattempo, sospendere ogni tipo di autorizzazione alla realizzazione di tali centrali, a partire da quella prevista a Rigutino”. 


Lavori pubblici: le variazioni al programma triennale

Il vice Sindaco Stefano Gasperini ha annunciato le principali variazioni al piano triennale delle opere pubbliche. Per quanto riguarda il 2012: primo stralcio del nuovo mercato ortofrutticolo (900mila euro); realizzazione di una rotatoria per il collegamento della strada comunale di Campoluci, la strada comunale di Ceciliano e la strada di cantiere a servizio delle cave (510mila euro),  primo lotto del teatro Petrarca (232mila euro), riqualificazione dell'area produttiva Pratacci (1.770.000 euro  per il primo lotto nel 2012 e 1.740.000 euro per il secondo nel 2013)

Nel dibattito sono intervenuti Francini (PdL), Lanzi (Pd), Mattesini (PdL), Peloso (Pd), Nofri (Pd), Ruzzi (Lega Nord).

La proposta di variazione è stata approvata con  21 voti a favore e 7 astensioni. Nessun voto contrario.

 

Centro polivalente pastorale di Saione: approvato il piano attuativo

E' stato approvato il piano attuativo con contestuale variante al Regolamento Urbanistico per la realizzazione di un centro polivalente pastorale e servizi scolastici di base in zona Saione. A questo piano sono state presentate, da altrettanti cittadini, tre osservazioni.

La Commissione urbanistica ha respinto le  osservazioni relative alla tutela del territorio, alla mobilità e alla circolazione nella zona, alla destinazione urbanistica. Ha parzialmente accolto l'osservazione relativa alla difesa degli spazi verdi. Analogo parere è stato espresso dalla Commissione assetto del territorio. Anche il vice sindaco Gasperini ha dichiato di condividere i pareri espressi dalla Cat.

Nel dibattito sono intervenuti Caneschi (Presidente Cat), Francini (PdL), Bianchi (Movimento 5 Stelle); Ruzzi (Lega Nord).

Il Piano attuativo, con l'accoglimento parziale dell'osservazione sugli spazi verdi, è stato approvato con 20  voti a favore e 11 astensioni. Nessun voto contrario.

 

 

LE ATTIVITA’ DEL 2011: LA RELAZIONE DEL SINDACO AL CONSIGLIO

Il Sindaco Fanfani ha presentato stamani in Consiglio comunale, il rendiconto dell’attività 2011ed ha ricordato come questo sia stato “un “anno ponte” tra due mandati. “Si sono conclusi importanti processi amministrativi come il Regolamento Urbanistico; portati a termine lavori fondamentali come il rifacimento della pavimentazione di Piazza Sant’Agostino; garantiti i servizi alla persona; messe in atto azioni di sostegno all’economia locale soprattutto attraverso la promozione del turismo. E sono state gettate le basi progettuali, con il documento programmatico presentato ad inizio mandato, per i prossimi anni.

Questa amministrazione, anche nel 2011, ha confermato la sua capacità di governare la città, delinearne le linee di sviluppo, garantire i servizi per i cittadini. Non vorrei che tutto questo venisse dato per semplice o scontato – ha aggiunto il Sindaco Fanfani. Il 2011 ha tolto ogni illusione, anche quelle residue, a chi pensava che la crisi fosse ormai vicina alla fine.

Nel novembre scorso si è dimesso il quarto governo Berlusconi e, in questo caso, possiamo dire che è veramente arrivato a conclusione un ciclo politico storico iniziato nel 1994. I suoi effetti saranno necessariamente di lungo periodo. Dal novembre scorso abbiamo il governo tecnico di Mario Monti chiamato ad affrontare una crisi che non accenna ad attenuarsi.

Il contesto nel quale un Comune lavora è quindi il peggiore della storia recente: crisi economica e sociale, forti sommovimenti negli schieramenti politici tradizionali, aumento del già forte distacco tra i cittadini e la politica e quindi le istituzioni; aumento della domanda di servizi pubblici e sociali, progressiva contrazione delle risorse finanziarie del sistema pubblico locale.

Navighiamo, quindi, in un mare agitato, senza la bussola rappresentata dalle certezze finanziarie e normative. Ma andiamo avanti seguendo la stella polare degli interessi dei cittadini, puntando sulla collaborazione di tutti i principali soggetti economici e locali.

Anche a livello locale siamo di fronte ad una situazione politica complessa. Quello che intendo garantire è la qualità del governo locale - ha sottolineato il Sindaco Fanfani.. Il senso di responsabilità di chi è stato eletto alla guida della città deve essere assolutamente prevalente rispetto ad ogni altra valutazione. I cittadini si attendono risposte ai drammi delle famiglie e delle imprese. Ad esse lavoriamo mantenendo aperta ogni porta che possa consentire di rendere queste stesse rispose frutto della condivisione e della elaborazione congiunta”.

Il vice Sindaco Gasperini e gli assessori De Robertis, Donati e Macrì hanno poi approfondito i affrontando molteplici temi: territorio, lavori pubblici, servizi alla persona, la “macchina comunale”, i rapporti con il cittadino, l’economia, la cultura, la Giostra del Saracino, …

Mattesini (PdL) si è soffermato sul Regolamento urbanistico: “va sicuramente rivisto perchè non offre possibilità di sviluppo al territorio né opportunità di nuova occupazione”, Critiche al parcheggio Mecenate, alle spese per il Piuss, alle piste ciclabili, alle “insufficienti” azioni su turismo ed economia locale.

Farsetti: (5Stelle) “questa giunta si caratterizza per il basso profilo. Enuncia azioni in materia di turismo e di economia locale che non abbiamo mai visto. Stendiamo un velo pietoso sui “ritorni” della visita del Papa. C'è stato un forte velo democratico: appannaggio della Presidenza e delle commissioni al Pd; nessun atto di Giunta  non obbligatorio è passato dall'esame del Consiglio o delle Commissioni. Le nomine nelle partecipate sono una ferita aperta che non si rimargina: il Sindaco ha attinto dal solito serbatoio di riciclati. Il Regolamento urbanistico è confuso e macchinoso. Prevede grattacieli che nulla hanno a che spartire con l'ecosostenibilità. Rifiuti: nessuna seria politica per aumentare la differenziata e per rivedere la scellerata politica del raddoppio dell'inceneritore. Servizi per l'infanzia: si esternalizza e si aumenta la precarietà del lavoro. Con i dipendenti si usa il pugno di ferro.

Non possiamo approvare la relazione per manifesta insufficienza amministrativa.

Barone (IdV): “è la prima volta che riusciamo a parlare in aula di un rapporto amministrativo annuale come previsto dal Regolamento comunale. Sul tema dei rifiuti, di positivo registriamo solo i due nuovi centri di raccolta. Mobilità: il park Mecenate è una cattedrale nel deserto. Piuss: positivo aver intercettato i finanziamenti pubblici. Scuola: bisogna salvaguardare l'impianto pubblico del servizio. Macchina comunale: organizzata in modo diametralmente opposto a quanto necessario, a cominciare dall'assunzione di dirigenti. Rapporti con il cittadino: positiva la valutazione dei cittadini sullo Sportello Unico e quindi sulla professionalità dei dipendenti comunali.

Scatizzi (UdC). “Ci muoviamo nel contesto di una gravissima crisi economica che ha riflessi negativi anche sul comune. Il Regolamento urbanistico e altri strumenti devono servire anche a rilanciare lo sviluppo dell'economia. Attivare incentivi sul piano urbanistico”. Nella dichiarazione di voto  ha annunciato la sua non partecipazione al voto finale.

Bracciali (Pd). “Ci sono cose incredibili provocate dal Patto di Stabilità  e da altre norme che non consentono di investire, di pagare le imprese, di attuare politiche di sviluppo. Gli aspetti di criticità generali devono essere considerati nella valutazione dell'operato della Giunta.

Il Regolamento urbanistico ha dato un'impronta alla città ed ora ha bisogno di essere rivisto per rispondere ancora meglio alle necessità della città. Positivo il giudizio sulle politiche sociali e culturali

Il Pd insiste sulla necessità della spending review. Il giudizio sul lavoro 2011 dell'Amministrazione è assolutamente positivo.

Ruzzi (Lega Nord). “L'amministrazione è molto lenta e lontana dai cittadini. Moltissime decisione sono prese con lentezza. Si stanno perdendo opportunità inportanti. Sono in calo le concessioni edilizie, non vedo il piano della mobilità, vorrei sapere quanti hanno pagato l'Imu e quanto è l'incasso per le multe della Pm. Dove sono finiti i 2.400 stranieri che non risultano più residenti?

Lucherini (Progetto per Arezzo). “Il Sindaco ha toccato tutti i punti salienti ma i risultati sono stati enfatizzati come se fossero eccezionali. Avrei voluto ascoltare un segnale di prospettiva futura e l'indicazione di una qualche strategia per i prossimi anni proprio sulla base di quanto fatto fino ad oggi”.

La relazione del Sindaco è stata approvata con 17 voti a favore e 12 contrari. Non votanti 1.


Blocco degli straordinari al Comune di Arezzo

Il Sindaco Fanfani ne ha dato comunicazione questo pomeriggio al Consiglio comunale

Blocco degli straordinari dall'8 luglio al 6 agosto. Decisione assunta da Rsu, Cgil, Uil e Csa. Lo ha comunicato al Consiglio comunale, questo pomeriggio, il Sindaco Fanfani che ha dato integrale lettura delle richieste dei sindacati.

“Dopo l'accordo che era stata raggiunto ieri davanti al giudice del lavoro, ho ritenuto giusto che il Consiglio comunale fosse informato di questa evoluzione della vertenza”.

Mozioni e atti d'indirizzo

“Costituzione di un tavolo di amministratori e categorie economiche per determinare strategie concordate  circa le politiche del turismo e della cultura” (Francini, PdL)

Mettiamo da parte i campanilismi e creiamo una rete. Quindi un tavolo di confronto, la realizzazione di un marchio Arezzo e il coordinamento delle iniziative che si sviluppano sul territorio.

Sono intervenuti Scatizzi (UdC), Piervenanzi (Pd), Cantaloni (PdL), Nofri (Pd), Bracciali (Pd) e il Sindaco Fanfani

L'atto è stato respinto con 12  voti  contrari e  11 voti favorevoli. 3 gli astenuti

 

“Tutela del made in Italy” (Barone, IdV)

Il made in Italy alimentare rappresenta oltre il 16% del prodotto interno lordo e l'esportazione è in forte aumento. Negli ultimi anni si è registrata un'impennata delle contraffazioni con evidente danno l'immagine delle produzioni nazionali. Solidarietà alla Coldiretti e a tutte le associazioni che difendono e tutelano la filera del made in Italy alimentare”

L'atto è stato approvato all'unanimità

“Promozione della raccolta “porta a porta” ed implementazione della normativa vigente” (Lucio Bianchi, 5 Stelle)

La raccolta differenziata è lo strumento prioritario di gestione da adottare. Fondamentale è la prevenzione. La scelta del raddoppio dell'inceneritore va contro le leggi dello Stato. Il porta a porta ha dato ottimi rapporti laddove realizzato. L'obiettivo è vivere producendo meno rifiuti e il porta a porta non aumenta ma riduce le tariffe. Il Consiglio impegna quindi la Giunta a contattare esperti per questo tipo di raccolta.

Sono intervenuti Roberto Barone (IdV), Simonetta Ghezzi (Pd), Marco Tulli (Sel), Luigi Scatizzi (UdC), Roberto Ruzzi (Lega Nord), Daniele Farsetti (5Stelle)

L'atto d'indirizzo è stato respinto con 1 voti contrario e  6 favorevoli e 16 astenuti

Ghezzi ha presentato un atto d'indirizzo alternativo sullo stesso tema

Impegna la Giunta a dare seguito alle linee progettuali di implementazione del porta a porta per attivare servizi mirati, ad intraprendere campagne di informazione nei confronti dei cittadini.

L'atto d'indirizzo è stato approvato con  14 voti a favore,   9 contrari e 1 astenuto

“Cittadinanza onoraria ai figli di immigrati residenti” (Tulli, Sel)

Attivarsi per concedere la cittadinanza con una grande cerimonia ufficiale

Sono intervenuti Ghezzi (Pd) con un emendamento che si riallaccia al progetto Italia Sono Anch'Io che è stato fatto proprio da Tulli; Ruzzi (Lega Nord),  Bardelli (PdL), Lanzi (Pd), Scatizzi (UdC) e Peruzzi (Pd).

Ruzzi e Bardelli si sono dichiarati assolutamente contrari alla proposta e hanno invitato Tulli a ritirarla.

L'atto d'indirizzo è stato approvato con 17 voti a favore e 6 contrari.

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0