Prima Pagina | Politica società diritti | La CISL FP di Arezzo sostiene: non vogliamo regolare i conti della politica aretina

La CISL FP di Arezzo sostiene: non vogliamo regolare i conti della politica aretina

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
La CISL FP di Arezzo sostiene: non vogliamo regolare i conti della politica aretina

 

Arezzo - Stiamo vivendo nel Comune di Arezzo una vicenda che vede, da tempo, una forte contrapposizione di alcune sigle sindacali e l’attuale Amministrazione comunale.

Il Segretario Generale Cisl Funzione Pubblica di Arezzo Patrizia Brizzi così si esprime: “Coerentemente con quelli che sono i valori fondanti della Cisl, nel Comune di Arezzo perseguiamo ormai da mesi un accordo che consenta di poter erogare la quota di Produttività annuale. Faticosamente stiamo ricercando un punto di equilibrio tra i principi legislativi ed i diritti conquistati dai lavoratori negli anni, ma la preoccupante sensazione è di essere in realtà in un perverso gioco dell’oca. Dall’Assemblea Cisl svoltasi ieri (giovedì 21 giugno) è emersa la ferma volontà di rimanere al tavolo delle trattative sindacali e proseguire ad oltranza per addivenire al più presto ad una soluzione che possa essere percorribile ed equa.

Non ci interessa, conclude la Brizzi, regolare i conti della politica che poco hanno a che fare con gli interessi dei lavoratori, ma dobbiamo continuare ad evitare il rischio di pericolose derive che in realtà tendono solamente ad isolarli dalla loro città.”

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0