Prima Pagina | Sport | Obiettivo tricolore: Ilaria Badalotti a caccia di un nuovo titolo Italiano

Obiettivo tricolore: Ilaria Badalotti a caccia di un nuovo titolo Italiano

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Obiettivo tricolore:   Ilaria Badalotti a caccia di un nuovo titolo Italiano

Il 23 e 24 Giugno l'atleta dell'Arezzo Karate combatterà nei 47 kg dei Campionati Italiani Cadetti. Dopo il titolo conquistato nel 2011, Badalotti parte per Ostia in cerca una nuova affermazione


 

AREZZO – Ilaria Badalotti ci riprova. Dopo aver conquistato il titolo italiano nel 2011, la giovane atleta dell'Arezzo Karate cerca nuova gloria ai campionati nazionali Cadetti, in programma Sabato 23 e Domenica 24 Giugno al PalaFijlkam di Ostia. Classe 1996, Badalotti sarà l'unica atleta dell'Arezzo Karate in gara e sarà accompagnata dai tecnici Alessandro Balestrini e Marco Mencattini: l'aretina combatterà nei 47 kg del Kumite (Combattimento) con il dichiarato obiettivo di riuscire ad arrivare sul podio, un piazzamento necessario per guadagnare punti nel ranking nazionale giovanile (di cui attualmente occupa il quinto posto) e per provare ad assestarsi in cima alla graduatoria. Badalotti era stata protagonista di un 2011 quasi perfetto in cui, oltre al tricolore, aveva conquistato medaglie nei tornei internazionali di Grado e di Venezia, risultati che le avevano permesso di entrare nell'orbita della nazionale e di sperare di ottenere la convocazione per gli Europei giovanili, una convocazione che poi andò a premiare la sua storica rivale, la fiorentina Viola Lallo. Negli ultimi mesi, complice il passaggio nella categoria superiore e l'ascesa di alcune coetanee, l'aretina ha avuto un leggero calo di risultati, dunque ai Campionati Italiani è attesa una sua pronta riscossa per tornare immediatamente ai vertici del karate nazionale. «Ilaria non può permettersi di sbagliare - afferma Balestrini, direttore tecnico dell'Arezzo Karate. - Ai Campionati Italiani ha le carte in regola per confermarsi e per rimanere ai vertici del ranking nazionale: non c'è dubbio che nella sua categoria sia una delle atlete più forti d’Italia, dunque ora sta a lei dimostrare tutto il suo valore. È una ragazza determinata, si è allenata bene ed ha una bella tecnica, pulita ed efficace: facciamo tutti il tifo per lei e siamo convinti che, se riuscirà a gestire le emozioni, nessuno riuscirà a sottrarle un posto sul podio».

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0