Prima Pagina | Arte e cultura | Progetto “Grandi Uffizi”: nuove sale

Progetto “Grandi Uffizi”: nuove sale

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Progetto “Grandi Uffizi”: nuove sale

 

Inaugurate a Firenze, nove nuove sale della Galleria degli Uffizi. L’apertura al pubblico da martedì 19 giugno. Gli spazi sono quelli degli archivi di Stato che, fino a poco tempo fa, occupavano una parte del monumentale edificio dell’architetto aretino Giorgio Vasari. Insieme agli ambienti completati lo scorso dicembre, dove sono state aperte le “Sale degli stranieri”, il museo degli  Uffizi supera, con le attuali aggiunte, i 1800 mq di spazio espositivo totale, compresi alcuni luoghi da dedicarsi a mostre temporanee,, a giorni quella sul “Gotico internazionale”.

Non aumenterà però il numero dei visitatori che potranno accedere alla Galleria, in contemporanea. “L’ampliamento” ha spiegato Antonio Natali, direttore degli Uffizi “permetterà  di ammirare i tesori artistici della collezione con maggiore tranquillità e minore ressa; specie di fronte ai capolavori più ammirati che fino ad oggi si poteva rischiare di vedere solo da lontano”.

Così alcune delle opere esposte nel nuovo allestimento sono semplicemente state trasportate dalla vecchia collocazione ad una più consona per l’opera e per il visitatore. Un esempio la “Madonna del cardellino” di Raffaello centrale nella sala n. 66,  tutta dedicata a lui.

L’anello di congiunzione, tra la nuova ala degli Uffizi e il vecchio percorso, è la sala dedicata ai “marmi ellenistici” adiacente alla Loggia dei Lanzi. Le sculture sono provenienti, da Villa Corsini, come la bellissima “Testa di Arianna” poco visibile nel precedente allestimento o recuperate dal deposito del museo stesso, dal “Gabinetto dell’Ermafrodito” o giunte dal museo archeologico fiorentino.

Nell’infilata delle successive stanze appena aperte: la pittura  cosiddetta alla “maniera moderna”.  Andrea del Sarto, l’artista che Vasari definì “il pittore senza difetti”, a cui, finalmente, si è data una collocazione di primo piano, con ben due sale dedicate a solo a lui. Poi si trovano i quadri del Rosso Fiorentino (sala 60), di Jacopo Pontormo (sala 61) e i famosi ritratti di dame e nobiluomini di corte del Bronzino (sale 64 e 65).

(Galleria Uffizi, chiusa il lunedì. Orario 8,15/ 18,50. prezzo 6,50. Prenotazione on line www.uffizi.firenze.it)

 

Elisabetta Galeffi

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0