Prima Pagina | Politica società diritti | Eaut, il bilancio di previsione rimbalza sul muro del Consiglio regionale Marignani, Ammirati e Mugnai (Pdl): «Documento invotabile, lo riconosce anche la maggioranza

Eaut, il bilancio di previsione rimbalza sul muro del Consiglio regionale Marignani, Ammirati e Mugnai (Pdl): «Documento invotabile, lo riconosce anche la maggioranza

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Eaut, il bilancio di previsione rimbalza sul muro del Consiglio regionale  Marignani, Ammirati e Mugnai (Pdl): «Documento invotabile, lo riconosce anche la maggioranza

Il previsionale in Commissione Agricoltura per la terza volta


 

            Come a squash: il bilancio di previsione dell’Eaut va in Commissione Agricoltura, la Commissione Agricoltura lo invia al Consiglio e su quel muro il documento rimbalza di nuovo in Commissione Agricoltura. E così via. E’ la terza volta. Ed è accaduto stamani, dopo che nel tardo pomeriggio di ieri il capogruppo del Pd aveva ritenuto di rimandare alla sessione della seduta di Consiglio di questa mattina il voto su un atto contabile che finora nessuno si sente di sostenere politicamente. Non il Pdl, che già ieri aveva dichiarato che in caso di voto si sarebbe espresso compatto con un ‘no’. Ma nemmeno la maggioranza.

         «Per forza», commentano i Consiglieri regionali del Pdl Claudio Marignani (Vicepresidente della Commissione Agricoltura), Paolo Enrico Ammirati e Stefano Mugnai. «Si tratta di un documento invotabile, con zone d’ombra insostenibili come quella sul numero di posizioni organizzative presenti tra il personale, che in tutto consta di 19 unità. Eppure abbiamo ascoltato tutti. Possibile che permanga una situazione di totale incertezza su un dato che dovrebbe essere contingente? Adesso riascolteremo i vertici di Eaut, sperando che questa volta si possa pervenire a un minimo sindacale di chiarezza accettabile». In discussione, come esposto già ieri in aula proprio dal Pdl, anche il rapporto numerico tra dirigenti e personale: siamo a un dirigente (o P.o.) ogni due dipendenti. Troppi. Così come davvero alti sono i compensi: «Al momento – ricorda il Pdl – il costo medio per ciascun dipendente è di 90mila euro, e nel pluriennale 2013-2014 erano stati addirittura previsti aumenti del 22%. In più c’è il trattamento accessorio, ovvero le varie incentivazioni. Ebbene: in bilancio è stata mantenuta la stessa cifra (586mila euro) impiegata quando i dipendenti erano 60. Solo che adesso quell’ammontare è spalmato sulle 19 unità, che vedono salire il loro trattamento accessorio da 9.766 euro a 30.842 euro in media».

         Ora si torna in Commissione Agricoltura, dove oltre che da Marignani il Pdl è rappresentato anche dal Vicepresidente del Consiglio regionale Roberto Benedetti. E la battaglia si annuncia senza sconti.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0