Prima Pagina | Politica società diritti | “Interporto: ortofrutticolo, solo il primo passo”

“Interporto: ortofrutticolo, solo il primo passo”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font

Dichiarazione del consigliere comunale Pilade Nofri (Pd):

 

Come consigliere comunale espressione di una comunità, sono ovviamente solidale con tutte le iniziative che il paese di Indicatore metterà in atto per conoscere il destino dell’interporto.

Non voglio rinvangare il passato e scadere nel personalismo ma non posso non ricordare le remore che espressi e le incongruenze che denunciai già 15 anni fa quando si cominciò a parlare dell’opera. E 15 anni fa la situazione economica non era certo difficile come l’attuale. Erano gli anni in cui si cominciava a delineare anche il futuro urbanistico della Carbonaia, un’area che anche per il numero di capannoni previsto, sarebbe stata più adatta a ospitare l’interporto.

A fronte dell’attuale situazione economica, mi sembra impossibile praticare soluzioni così sovradimensionate. Semmai, ci sono interessi privati e accordi che necessitano di tempo, è emerso peraltro che le ferrovie avrebbero fatto dietro front sui loro impegni, è difficile, dunque, chiedere risposte agli interlocutori pubblici, a cominciare dall’amministrazione comunale. 

Se questo progetto è partito male e ora è ancora peggio, chiedo di stare in attesa affinché la situazione sia più chiara: ad esempio il prossimo trasferimento del mercato ortofrutticolo, impegno dell’amministrazione comunale, è già un segnale positivo e un buon punto di partenza. Insomma, ci sono ancora i margini a che l’interoporto sia concepito come struttura in grado di restituire, perequativamente, vantaggi a un paese al quale rischia invece solo di togliere.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0