Prima Pagina | Politica società diritti | DOMANI A FIRENZE "RIPARTIAMO DA ZERO", L'INIZIATIVA PROMOSSA IN TUTTA ITALIA DA GIORGIA MELONI PER UN CONFRONTO TRA IL PDL ED I SUOI ELETTORI.

DOMANI A FIRENZE "RIPARTIAMO DA ZERO", L'INIZIATIVA PROMOSSA IN TUTTA ITALIA DA GIORGIA MELONI PER UN CONFRONTO TRA IL PDL ED I SUOI ELETTORI.

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
DOMANI A FIRENZE "RIPARTIAMO DA ZERO", L'INIZIATIVA PROMOSSA IN TUTTA ITALIA DA GIORGIA MELONI PER UN CONFRONTO TRA IL PDL ED I SUOI ELETTORI.

BURACCHI (Giovane Italia Arezzo): "QUALUNQUE COSA DECIDA DI FARE IL PDL, PRIMA DEVE CONFRONTARSI CON GLI ELETTORI. VOGLIAMO UN PROFONDO RINNOVAMENTO A TUTTI I LIVELLI"



Domani, sabato 26 maggio, dalle ore 9.00 alle ore 13.00 la Giovane Italia aretina ed il movimento culturale "ArezzoZERO" saranno a Firenze, in Via delle Pelliccerie, di fronte alle poste centrali, per un'analisi degli ultimi risultati elettorali e per ascoltare le proposte per il futuro che arrivano direttamente dagli elettori. L'iniziativa rientra nel programma di "RIPARTIAMO DA ZERO" una serie di eventi organizzati dall'ex-Ministro Giorgia Meloni nelle piazze delle principali città italiane. All'iniziativa hanno aderito decine di eletti e dirigenti provenienti da tutte e 10 le province toscane.

"Se la gente ha deciso di non andare a votare o di non votare PDL, evidentemente abbiamo commesso degli errori e non possiamo far finta di niente trincerandosi nel silenzio o nei soliti comunicati stampa scritti in politichese. Se vogliamo tornare ad avere la fiducia della gente occorre avere il coraggio di fare due cose: confrontarci con loro, ascoltando i loro malumori e prendendo atto di aver disatteso le loro aspettative e promuovere un provondo rinnovamento a tutti i livelli". Questo quanto dichiarato da Carlotta Andrea Buracchi, dirigente della Giovane Italia Arezzo e presidente dell'associazione ArezzoZERO.

"Dobbiamo tornare padroni delle nostre storiche battaglie, senza che siano altri a portarle avanti. - prosegue la dirigente della Giovane Italia - Sto parlando della lotta alla corruzione, alla burocrazia, alle speculazioni, alla denatalità, alla mafia. Dobbiamo essere noi, i primi, a parlare di lotta ai privilegi, all'evasione, alla politica dei nominati che ha allontanato la gente dalla politica, disgustandola. Vogliamo affermare una volta per tutte, e non solo con delle belle frasi scritte all'interno dei programmi elettorali, il principio della meritocrazia, chiedendo ancora una volta, che i nostri candidati vengano scelti dagli elettori, attraverso lo strumento delle primarie o delle preferenze. Questi sono temi storici della nostra area politica e non possiamo più lasciarli ad altri perchè impegnati a parlarci addosso ed a seguire logiche che interessano solo i burocrati di partito".

"Le 'Assemblee Popolari' che abbiamo deciso di organizzare oggi in tutta Italia - conclude Buracchi - servono per portare la nostra faccia tra la gente, pronti anche a subire le loro critiche e le loro accuse, ma con la volontù di intercettare i loro malumori ed i loro problemi reali che sono ben lontani da quelle alchimie di palazzo delle quali negli ultimi tempi si è occupata la politica, tanto di destra quanto di sinistra".

Alle 12.30 si svolgerà presso il gazebo di Via delle Pelliccerie una conferenza stampa nel quale sarà presentato un documento redatto in diretta, in base agli interventi della gente che vorrà dare il proprio contributo. Documento che sarà votato ed approvato da tutti gli elettori del PDL presenti al momento della presentazione.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0