Prima Pagina | Salute e sanità | Chirurgia Vascolare, i primari italiani ad Arezzo per discutere dei “casi inusuali”

Chirurgia Vascolare, i primari italiani ad Arezzo per discutere dei “casi inusuali”

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Chirurgia Vascolare, i primari italiani ad Arezzo per discutere dei “casi inusuali”

Da domani esperienze a confronto con votazione sulle scelte compiute. I lavori ospitati in Provincia nella Sala dei Grandi

 

 

 

AREZZO - Arezzo è stata scelta come sede del V° Convegno Nazionale del Collegio Italiano dei primari di Chirurgia vascolare. Al centro dell’iniziativa un confronto sulle diverse modalità di trattamento di “casi inusuali” rapportato alle proprie opinioni di merito.

I relatori, provenienti da tutta Italia, illustreranno un proprio caso clinico e sottoporranno alla platea una serie di possibili soluzioni, compresa quella del disaccordo completo. Per il giudizio si passerà proprio ad un voto, giungendo in conclusione ad esaminare quale è stata la soluzione adottata e discuterne sotto il profilo scientifico. E’ con questo spirito, cioè nell’accettare di mettere in discussione il proprio operato, che il professionista chirurgia vascolare, si interroga per crescere e migliorare le proprie prestazioni. Con il coraggio di affrontare argomenti che sono evidenti nel titolo dei lavori della seconda giornata di lavori:  “L’esperienza alla prova dei fatti: quando non ho potuto seguire le linee guida, quando le ho seguite e non ho avuto i risultati sperati, quando non ho voluto seguirle e ho avuto ragione”.

Un approccio moderno, con cui il Collegio, rappresentato ad Arezzo dal primario della unità operativa di Chirurgia vascolare della Asl 8 Guido Bellandi, ha caratterizzato il programma di questa iniziativa che prende il via domani, mercoledì pomeriggio (23 maggio dalle ore 16,30) per proseguire fino a venerdì 25 (chiusura alle ore 14,00) . L’innovazione è anche nell’aver lasciato completamente ai collaboratori più giovani, la presentazione di tutte le relazioni previste, destinando agli “anziani” e quindi ai primari, il compito di coordinare e moderare i diversi momenti del convegno stesso che si svolgerà interamente nella Sala dei Grandi del Palazzo della Provincia.

Sarà presente una importante componente universitaria, rappresentata dai componenti del consiglio direttivo Sicve.

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0