Prima Pagina | Politica società diritti | Bardelli: un bilancio comunale sconcertante

Bardelli: un bilancio comunale sconcertante

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font

“Un bilancio assurdo e preoccupante per i cittadini, che rispecchia la totale inefficienza e mancanza di idee dell'amministrazione comunale.” A dichiararlo è Roberto Bardelli, consigliere comunale Pdl.

 

“Il bilancio comunale – afferma Bardelli - è stato approvato grazie ai voti di sindaco e presidente del consiglio comunale, con un totale di 17 voti a favore a fronte dei 16 contrari. Un bilancio che rispecchia il vuoto di idee di questa maggioranza, sempre più risicata, monocolore e lontana dalle istanze cittadine. Un bilancio che non manifesta un progetto di crescita per la città ma richiede unicamente maggiori tasse per gli aretini.”

“Si tratta quindi di un bilancio – prosegue il consigliere comunale - che non investe minimamente su cultura e turismo, nonostante le belle parole e i proclami dell'amministrazione comunale. E che calcola 8 milioni dagli oneri di concessione quando tutti sanno che l'urbanistica ad Arezzo è bloccata per colpa di un regolamento urbanistico strampalato.”

“Nel bilancio inoltre – incalza Bardelli – viene fatta una previsione di 6.200.000,00 euro di ricavato dalle multe, cifra che rende l'idea di quanto gli aretini vengano vessati quotidianamente, e che mette a disposizione 85.000,00 alle circoscrizioni, oramai smantellate da tempo (siamo alle comiche).”

“E' un bilancio insomma – dice ancora Bardelli - che non tiene conto dei bisogni effettivi dei cittadini. Non a caso nonostante avessi chiesto esplicitamente al sindaco Fanfani, durante l'ultimo consiglio comunale, di non applicare l'IMU sulla prima casa, sono stato volutamente ignorato. E dire che si tratta, agli occhi di tutti, di un'imposizione fiscale governativa ingiusta ed evitabile vista la possibilità effettiva da parte del comune di scegliere di non applicarla.”

“Infine – conclude il consigliere comunale - la tanto decantata revisione di spesa, altrimenti nota ai più chic come spending review, nel bilancio del comune non è proprio prevista. Anzi, gran parte dei soldi finisce in tanti rivoli inutili, quando non dannosi per i cittadini. La situazione è davvero sconcertante.”

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0