Prima Pagina | Politica società diritti | «Siena, Arezzo, ma anche Monte dei Paschi e Fidi Toscana... Si odono scricchiolii nel sistema di potere toscano»

«Siena, Arezzo, ma anche Monte dei Paschi e Fidi Toscana... Si odono scricchiolii nel sistema di potere toscano»

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
«Siena, Arezzo, ma anche Monte dei Paschi e Fidi Toscana...  Si odono scricchiolii nel sistema di potere toscano»

Crisi in maggioranza, dopo Siena tocca ad Arezzo; Mugnai (Pdl)

 

 

«Dopo appena un anno la giunta aretina, nata da una coalizione che abbiamo sempre definito come mero cartello elettorale messo assieme solo per vincere le elezioni, è già andata in frantumi. E per cosa? Per beghe di poltrone che sono il peggior esempio della vecchia politica politicante». Lo afferma il Consigliere regionale del Pdl Stefano Mugnai, che così interviene sulla sostanziale fine della maggioranza di governo della città di Arezzo guidata dal sindaco Giuseppe Fanfani.

«Così come accaduto a Siena, dove il 27 aprile scorso il Consiglio comunale bocciò il bilancio consuntivo e dove lunedì prossimo la giunta Ceccuzzi tornerà a ricercare una maggioranza in Consiglio comunale, così anche ad Arezzo – osserva Mugnai – la maggioranza si spacca in occasione di uno dei pochissimi atti politici di competenza del Consiglio, ovvero il bilancio, in questo caso preventivo, su cui evidentemente si scaricano le tensioni di maggioranze politiche che si dimostrano meri cartelli elettorali».

Il quadro d’insieme suggerisce una riflessione: «In un contesto di crisi del sistema politico nazionale – afferma Mugnai – ci sono segnali evidenti anche di una crisi del sistema politico toscano, o per meglio dire del blindatissimo sistema di potere che ha di fatto governato e controllato senza screpolature la Toscana per cinquant’anni: Siena, Arezzo, ma anche Monte dei Paschi, Fidi Toscana… solo coincidenze?»

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0