Prima Pagina | Cronaca | Oltre 100 pattuglie della GdF impegnate in controlli sul territorio

Oltre 100 pattuglie della GdF impegnate in controlli sul territorio

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Oltre 100 pattuglie della GdF impegnate in controlli sul territorio

GUARDIA DI FINANZA DI AREZZO: “PIANO DI CONTROLLO ECONOMICO DEL TERRITORIO”. BEN 67 IRREGOLARITA’ ACCERTATE PER MANCATA EMISSIONE DELLO SCONTRINO/RICEVUTA FISCALE. OLTRE 22.000 PRODOTTI NON SICURI SEQUESTRATI. 27 LAVORATORI AL NERO/IRREGOLARI SCOPERTI. SOSPESE 5 AZIENDE E DENUNCIATI I DATORI DI LAVORO.

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Arezzo, nella scorsa settimana, ha disposto e coordinato un “Piano di Controllo Economico del Territorio”, che ha visto oltre 100 pattuglie impiegate in tutto il territorio della provincia, sia “in divisa”, nell’attività di contrasto e prevenzione degli illeciti fenomeni dell’abusivismo commerciale e della minuta vendita di merci contraffatte e/o non sicure, che in ”abiti civili”, nei controlli della regolare emissione di scontrini e ricevute fiscali da parte degli esercenti operanti in tutti i settori commerciali.

Sono stati così sequestrati, presso esercizi gestiti da soggetti di nazionalità cinese in Arezzo e Montevarchi, circa 21.000 articoli, per lo più giocattoli, ed oltre un migliaio di cosmetici, risultati non conformi alla normativa in materia di sicurezza dei prodotti e  potenzialmente pericolosi per la salute.  5 i soggetti responsabili, di cui 2 denunciati a piede libero all’Autorità Giudiziaria.

Ben 67 sono state, invece, le violazioni accertate nella settimana per il mancato rilascio dello scontrino e/o ricevuta fiscale. A finire nella rete dei controlli delle Fiamme Gialle aretine sono stati principalmente i ristoranti e pizzerie della provincia, “pizzicati” in più di 10 casi nelle ore serali del fine settimana, nonché le più svariate attività commerciali, dal parrucchiere all’estetista, per finire ai bar e ai  negozi di ottica.

Nel corso dei controlli presso i mercati rionali i finanzieri aretini hanno accertato che tre commercianti ambulanti non avevano addirittura installato il registratore di cassa.

Sono 2 i titolari di esercizi commerciali nei cui confronti è scattata la procedura per la richiesta della sospensione della licenza o delle autorizzazioni all’esercizio dell’attività, per aver riscontrato, nell’ultimo quinquennio, 4 violazioni in materia: si tratta di un ristorante cinese e di un bar ubicato presso un centro commerciale del capoluogo.

Dall’inizio dell’anno, su 627 controlli strumentali eseguiti, sono state riscontrate ben 206 violazioni con un tasso d’irregolarità pari al 32,85% (ovvero 1 su 3 non emette lo scontrino).

L’intervento dei finanzieri si è concentrato, contestualmente, anche sull’annoso e quanto mai attuale problema sociale dell’impiego di manodopera irregolare. Anche in questo caso, il fiuto degli uomini della Guardia di Finanza aretina ha permesso di scoprire ben 22 lavoratori intenti a lavorare al nero, oltre a cinque irregolari, in alcune fabbriche di pelletteria, dedite, tra l’altro, alla produzione di accessori per note griffes della moda italiana, nonché presso esercizi commerciali della città capoluogo.

Cinque aziende, tutte gestite da imprenditori di nazionalità cinese, sono state sospese, in collaborazione con personale della Direzione Territoriale del Lavoro, per violazioni alla normativa di riferimento e due titolari sono stati denunciati alla locale A.G. per aver impiegato lavoratori non in regola con il permesso di soggiorno.

Sono in corso gli approfondimenti di natura fiscale per ricostruire il reale volume d’affari delle imprese ispezionate. Intanto, però, sono oltre 28.000 euro le maxi sanzioni per lavoro nero notificate e, in ben 3 casi, i provvedimenti sono già stati regolarizzati mediante il pagamento delle relative sanzioni accessorie.

In un altro controllo, invece, questa volta nel Casentino, sono stati individuati 3 operai stranieri, che, seppur percepivano aiuti dallo Stato sotto forma di ammortizzatori sociali, “arrotondavano” lavorando al nero presso privati, all’insaputa del titolare dell’impresa edile presso la quale risultavano assunti.

I finanzieri, infatti, li hanno sorpresi mentre erano intenti nella ristrutturazione del tetto di una casa privata. Il proprietario è stato sanzionato per circa 5.000 euro per aver impiegato manodopera irregolare e gli operai sono stati segnalati agli Uffici competenti per gli aspetti relativi alla cassaintegrazione.

Numerosi, infine, i controlli su strada. Verificati non solo i flussi delle merci, ma identificati anche i possessori di circa 30 autovetture di grossa cilindrata che, ad un primo esame, presentano una situazione reddituale incongrua. Sono in corso gli approfondimenti del caso.

Il Piano Coordinato” ha quali obiettivi non solo quello di tutelare gli operatori economici “regolari” dalla sleale ed illecita concorrenza degli abusivi e di coloro che vendono merci fuori norma, ma anche l’obiettivo di evitare che gli esercenti che rispettano gli obblighi di emissione dei documenti fiscali finiscano con il risultare indebitamente “svantaggiati” rispetto ai loro concorrenti che violano le norme tributarie.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0