Prima Pagina | Politica società diritti | Lo strano caso di Castiglion Fibocchi

Lo strano caso di Castiglion Fibocchi

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Lo strano caso di Castiglion Fibocchi

«Montanaro è politicamente un ‘corpo estraneo’ alla città»

 

«Poco ci interessa, sinceramente, delle questioni personali dell’ex prefetto Salvatore Montanaro, oggi sindaco di Castiglion Fibocchi. Siamo sempre stati garantisti  e lo saremo  in futuro, anche se stupisce e  stride, proprio in relazione a tali vicende – per le quali vi rimandiamo anche agli atti della commissione parlamentare di inchiesta sulle attività connesse al ciclo dei rifiuti – il silenzio del Partito Democratico locale e provinciale e dello stesso oggi sindaco che, nel corso della recente campagna elettorale, hanno urlato ai quattro venti “legalità, legalità” additando così il candidato a sindaco dell’altra lista civica, sulla base di presunte vicende ancora da accertare».

«Ciò che oggi preme sottolineare, invece, è l’assoluta incapacità politico-amministrativa della Giunta Montanaro, che ad ogni pie’ sospinto perde importanti pezzi che, evidentemente, non si ritrovano più nella gestione di un sindaco cha appare oramai – politicamente – come un ‘corpo estraneo’ rispetto alle problematiche crescenti del paese in termini di occupazione e di risposta turistica, di rilancio della imprenditoria locale e di razionalizzazione della spesa pubblica».

«Oramai i cittadini hanno capito che forse è l’ora di voltare pagina. Su questo siamo disponibili a confrontarci con le migliori forze di Castiglion Fibocchi senza pregiudizi o prevaricazioni, ma nell’esclusiva logica dell’interesse della collettività, pronti a raccogliere la sfida per un governo moderno ed efficiente della res publica. Montanaro prenda atto, a questo punto, della sua estraneità dal contesto politico e amministrativo locale e, nell’interesse dei cittadini, faccia piena chiarezza su tutte le vicende che lo riguardano all’interno di un Consiglio comunale aperto, rimettendo il suo mandato vista la sua palese inadeguatezza politica a proseguire l’esperienza amministrativa».

Il coordinamento provinciale PdL Arezzo

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0