Prima Pagina | Politica società diritti | Il nuovo Piano sanitario taglia i pronto soccorso, Mugnai (Pdl)

Il nuovo Piano sanitario taglia i pronto soccorso, Mugnai (Pdl)

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Il nuovo Piano sanitario taglia i pronto soccorso, Mugnai (Pdl)

«La giunta scrive ‘ospedale’, la gente legge ‘poliambulatorio’. Così si generano disparità nel diritto di accesso alla cura»

 

 

La Regione scrive ‘ospedale di fascia A’, e per il cittadino significa veder finire la propria salute in serie B con un poliambulatorio senza più il suo pronto soccorso: accade col nuovo Piano sociosanitario integrato regionale (Pssir) che di fatto elimina il pronto soccorso dagli ospedali definiti «di fascia A», tranne alcuni che possiedono specificità precise. Sul Pssir ieri la Commissione Sanità del Consiglio regionale ha proceduto alle prime consultazioni. Proprio alla luce di queste ultime il Vicepresidente della Commissione Stefano Mugnai (Pdl) denuncia: «Con questo vero e proprio declassamento di alcuni ospedali alla stregua di poliambulatori, secondo la calzante definizione di alcuni sindaci, non tutti i toscani avranno pari opportunità rispetto all’erogazione dei servizi sanitari, soprattutto in situazioni di emergenza».

Non esiste, a quanto ci viene riferito dagli uffici regionali, un elenco degli ospedali di fascia A. Esiste però un elenco di quelli con meno di 120 posti letto (riportato di seguito) molti dei quali, al netto di alcune specificità, rientreranno nella cosiddetta ‘fascia A’. Non poca cosa, soprattutto perché i territori interessati sono in larga misura quelli morfologicamente più complicati: «Si tratta più che altro delle aree montane – osserva Mugnai – che rappresentano il 57% del territorio toscano con ben 1 milione di abitanti, o comunque di aree spesso difficilmente raggiungibili. E’ evidente che, con simili proporzioni, l’impatto di un simile provvedimento sulle strutture destinate all’emergenza-urgenza e al primo soccorso diventa assolutamente penalizzante».

E poi, al solito, c’è la scelta dei termini: «La giunta continua a definire queste strutture di fascia A ‘ospedali’ – spiega Mugnai – mentre sa perfettamente di volerli trasformare in semplici poliambulatori. Ancora una volta, da parte della Regione manca il coraggio di chiarire la propria volontà con una scelta lessicale coerente ai fatti. E i fatti ci dicono che, se un ospedale perde il pronto soccorso, perde la sua stessa essenza e diventa un’altra cosa. Legittima e del tutto naturale, dunque, la preoccupazione manifestata oggi dai sindaci dei territori interessati al provvedimento».

 

 

Gli ospedali interessati dal provvedimento 

Azienda 

Ospedale 

Posti letto 

Ausl 1 (Massa Carrara) 

Fivizzano

62

 

Pontremoli

69

Ausl 2 (Lucca)

Barga

92

 

Castelnuovo

107

Ausl 3 (Pistoia)

San Marcello

53

Ausl 5 (Pisa)

Volterra

68

Ausl 6 (Livorno)

Portoferraio

77

Ausl 8 (Arezzo)

Casentino

70

 

Valtiberina

77

 

Valdichiana

91

Ausl 9 (Grosseto)

Orbetello

86

 

Pitigliano

46

 

Casteldelpiano

55

Ausl 10 (Firenze)

Figline Valdarno

93

 

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0