Prima Pagina | Politica società diritti | Bella iniziativa sulla gestione del ciclo dei rifiuti

Bella iniziativa sulla gestione del ciclo dei rifiuti

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Bella iniziativa sulla gestione del ciclo dei rifiuti

 

Si è svolto ieri pomeriggio - nella Sala Giostra del Saracino - il dibattito, promosso da Sinistra per Arezzo e dalla FdS, sui rifiuti e la raccolta differenziata. In una sala stracolma sono stati illustrati due metodi diversi per un sano e controllato smaltimento dei rifiuti; le esperienze, raccontate dagli amministratori locali di Incisa  e Capannori, hanno destato interesse e curiosità nelle persone presenti. Molti sono stati gli spunti e le idee sulle quali riflettere per iniziare una gestione diversa anche nel nostro territorio. Sicuramente il percorso è lungo e serve una buona campagna di sensibilizzazione, ma è necessario avviarle perché, - oltre al rispetto della percentuale impostaci dalla Regione Toscana e dallo Stato - pari al 65% nel 2012 (la provincia di Arezzo adesso è al 33%) c’è un grosso rischio ambientale e sanitario. Rischio che verrà analizzato, almeno per la parte aretina, dalla Valutazione d’Impatto Sanitario (VIS) finanziata dall’Unione Europea: durante l’incontro, infatti, c’è stata la possibilità di illustrare meglio, ai non addetti ai lavori, il progetto LIFE+ - che partirà a breve nei territori vicini all’inceneritore di San Zeno e della CHIMET - e che avrà una durata di 39 mesi. Durante questo periodo – come stabilito dal Comune di Arezzo -  non si potrà procedere alla costruzione del nuovo inceneritore, così come non vi si potrà procedere qualora la VIS confermasse quanto già emerso dallo studio ARS di qualche anno, e cioè un eccesso di decessi per leucemie e linfomi. Ampio dibattito nel finale con i lavoratori del settore ambiente, preoccupati per la gara che verrà fatta per la nuova gestione del ciclo dei rifiuti, che prevede per loro un ritocco al ribasso degli stipendi. A loro va tutta la solidarietà della lista Sinistra per Arezzo e della FdS, perché il modello Marchionne non deve essere esteso a tutti: non possono rimetterci – infatti - i lavoratori, solo per favorire gli interessi dei privati! La logica del profitto è una logica che ha stancato e che ha portato alla rovina il nostro Paese. “Ci impegneremo a trovare con i lavoratori metodi e modi, anche organizzando delle iniziative, per sostenerli e per difendere il loro stipendio ed il loro contratto” sostiene Aurora Rossi, Capogruppo in Comune di SxA.

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0