Prima Pagina | Politica società diritti | SEGNO NEGATIVO PER IL TURISMO ARETINO

SEGNO NEGATIVO PER IL TURISMO ARETINO

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
SEGNO NEGATIVO PER IL TURISMO ARETINO

INDIETRO NELLA CLASSIFICA REGIONALE E NAZIONALE DELL'OSSERVATORIO DEL TURISMO SOSTENIBILE. ANCORA UN FALLIMENTO DELLA GIUNTA FANFANI.


Nel turismo Arezzo è la tra le ultime città in Toscana, e molto indietro a livello nazionale. Il dato è stato certificato da una ricerca presentata nei giorni scorsi a Roma da: “Osservatorio Nazionale Spesa Locale e Turismo Sostenibile”, su commissione di: “Istituto Ricerche Economiche e Sociali”, “Ente Bilaterale Nazionale del Turismo” e “Unione Province d'Italia”.
La classifica, che ha per oggetto i comuni capoluogo di provincia di tutta Italia, mette in relazione la qualità, la quantità e l'efficienza dei flussi di spesa pubblica destinata al turismo con la caratterizzazione occupazionale, ambientale e sociale locale.
Arezzo risulta solo al 57° posto nazionale e addirittura quartultima in Toscana, dove ci seguono solo Grosseto, Massa e Prato.
Livorno e Pistoia sono avanti, cosi come, a livello nazionale: Nuoro, Gorizia, Rieti, Isernia ed altre città che, sicuramente non possiedono i nostri capolavori, le nostre opere d'arte ed il nostro patrimonio ambientale. Siena e Firenze, rispettivamente seconda e quarta a livello nazionale, anche se vicine geograficamente e simili dal punto di vista morfologico e territoriale, sono distanti anni luce.

Quindi, al di la di qualche proclama e vuota enunciazione di chi ci governa, i dati pubblicati dimostrano che poco o nulla è stato fatto in campo turistico. E' quindi necessario che il comune migliori l'efficacia e l'efficienza della spesa per la valorizzazione del turismo sostenibile. Ma, in primo luogo, questa giunta dovrebbe dirci quale è il progetto per il rilancio turistico della città, quale la sua idea di “governance” in questa materia.
Se questo non dovesse accadere in tempi più che rapidi, non avrà alcun senso parlare ancora di Arezzo come di una città a vocazione turistica.
Il fallimento della classe politica che governa la città è sotto gli occhi di tutti, in ogni ambito. Nel settore del turismo e del suo “sistema”, adesso è arrivata anche una “certificazione” inequivocabile e, sicuramente, “super partes”.


Mauro Perinti

Vice Coordinatore Comunale
Futuro e Libertà

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0