Prima Pagina | L'opinione | Quando anche su Wikipedia si mistifica la storia...

Quando anche su Wikipedia si mistifica la storia...

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font
Quando anche su Wikipedia si mistifica la storia...

 

Ho trovato scritto quanto segue:

"Il 12 maggio 1977 viene uccisa a Roma la studentessa Giorgiana Masi, militante radicale (SBAGLIATO). La morte della ragazza avviene nel corso di un sit in indetto dal Partito Radicale per la raccolta di firme su alcuni referendum. La manifestazione costituiva anche una reazione alla decisione del Ministro dell'Interno Francesco Cossiga di vietare nel Lazio, quale misura preventiva contro il terrorismo, tutte le manifestazioni politiche che non fossero indette dai partiti dell'arco costituzionale. Nonostante Cossiga avesse personalmente scongiurato Marco Pannella di non effettuare il sit in radicale (SBAGLIATO) perché ci sarebbero stati quasi sicuramente scontri con la polizia, Pannella decise ugualmente di mandare allo sbaraglio - pur di portare avanti le sue iniziative politiche - molti giovanissimi attivisti del partito. Questi ragazzi - come previsto - si trovarono coinvolti negli scontri a fuoco tra poliziotti e infiltrati della sinistra extraparlamentare, nel corso dei quali una pallottola sparata dai dimostranti (SBAGLIATO) colpì a morte la Masi. Negli anni seguenti Pannella tentò sempre di scaricare su Cossiga la responsabilità morale dell'accaduto sviandola dalla sua decisione di inviare la Masi e altri ragazzi a esporsi al rischio certo di azioni terroristiche".

Ebbene, nel 1998 Cossiga parlando sull'accaduto disse come "quel giorno ci possa essere stato un atto di strategia della tensione, un omicidio deliberato per far precipitare una situazione e determinare una soluzione involutiva dell'ordine democratico, quasi un tentativo di anticipare un risultato al quale per via completamente diversa si arrivò nel 1992-1993"

Nel 2003 dichiarò alla trasmissione Report: "Non li ho mai detti alle autorità giudiziarie e non li dirò mai i dubbi che un magistrato e funzionari di polizia mi insinuarono sulla morte di Giorgiana Masi: se avessi preso per buono ciò che mi avevano detto, sarebbe stata una cosa tragica..."

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0