Prima Pagina | Politica società diritti | Consiglio Comunale 22 dicembre 2011

Consiglio Comunale 22 dicembre 2011

By
Dimensione carattere: Decrease font Enlarge font

Il Comune di Arezzo diventa proprietario, acquisendo al proprio demanio stradale dall’Azienda Usl 8, di un’area di circa 1760 metri quadrati che verrà utilizzata per l’ampliamento e la sistemazione di via Toscanelli

 

 

Cambia inoltre una norma del Regolamento urbanistico che fissa le caratteristiche dei maneggi privati compresi i campi prove dei quartieri della Giostra e delle pensioni di permanenza saltuaria di cani, gatti e altri animali: resta l’obbligo di realizzare i manufattiun solo livello ma scompare quello di copertura a capanna mentre i box cavalli potranno essere elevati fino a 3 metri invece dei 2 e mezzo precedenti. Inoltre tali manufatti possono ora comportare anche opere di fondazione finora escluse.

Sul Regolamento per l'acquisizione di beni e servizi in economia, l'assessore Marco Donati ha dichiarato che il “tema è delicato perché coinvolge quotidianamente la macchina comunale. L'amministrazione in questi anni non ha subito su tale aspetto alcun contenzioso e questo dimostra la bontà del lavoro degli uffici. La caratteristica principale è la semplificazione delle procedure, indicata dal legislatore nazionale, ovvero il passaggio dai 20 ai 40.000 euro come soglia consentita per seguire l'iter dell'acquisto in economia e dunque la chiamata diretta senza dover bandire procedura di evidenza pubblica. Come amministrazione abbiamo comunque deciso di dare pubblicità nel sito del Comune alle chiamate dirette e agli acquisti superiori ai 5.000 euro”.

A questa proposta di delibera Roberto Barone ha proposto di collegare un atto di indirizzo per fare sì che l'amministrazione si doti di nuove modalità: “chiedo che si acquistino beni a minore impatto ambientale per tutta la vita del bene acquistato, come dice l'Unione Europea. Si tratta dei cosiddetti 'acquisti verdi': non va dimenticato che il semplice toner o le cartucce delle stampanti, perché è di questo che si parla, sono rifiuti anche particolari da smaltire. Chiedo inoltre che la Giunta si attivi a favore di procedure di approvvigionamento elettronico”.

Daniele Farsetti ha rivendicato la paternità della norma relativa agli acquisti sopra i 5.000 euro da pubblicizzare nel sito del Comune: “la nostra indicazione è stata recepita e questo è un buon punto di partenza in direzione della trasparenza e della credibilità dell'amministrazione”.

La delibera è stata approvata con 25 voti favorevoli.

Sull'atto di indirizzo di Barone ci sono stati due emendamenti di Matteo Bracciali approvati con i voti del Pd. Uno in particolare chiedeva di attivare “idonee azioni finalizzate a introdurre parametri che tengano conto della eco-compatibilità”. Barone lo ha ritenuto tale da pregiudicare la portata del suo atto di indirizzo “che diventerebbe il nulla”. Onde per cui ha preferito ritirarlo.

“Stupefatto” dell'atteggiamento instauratosi tra le varie forze della maggioranza si è dichiarato al termini Gianfrancesco Chiericoni.

 

Consiglio Comunale 22 dicembre 2011 / Gli atti di indirizzo

Su richiesta del consigliere comunale Lucio Bianchi (Movimento 5 stelle), è stato approvato alla unanimità un atto di indirizzo volto all'adozione di materiali foto catalitici nelle opere di ordinaria e straordinaria manutenzione degli edifici pubblici e nella pavimentazione delle strade e dei marciapiedi del Comune di Arezzo. “Sono le ricerche scientifiche a confermare la bontà per la salute di queste tecnologie e materiali. L'Unione Europea ha verificato che assorbono ed eliminano gli inquinanti atmosferici tra il 20 e l'80%. Se ne chiede prima una sperimentazione in vista di una loro definitiva adozione”.

“Peraltro - ha ricordato l'assessore ai lavori pubblici Franco Dringoli - l'amministrazione ha raggiunto un protocollo in tema di appalti pubblici grazie al quale si dà particolare peso alla parte qualitativa delle offerte: sicurezza dei cantieri e l'uso di materiali di valenza innovativa che vanno in direzione del miglioramento ambientale sono proprio i parametri che privilegiamo. L'atto di indirizzo si muove in un solco che ci vede già favorevoli e convinti”.

Ancora il Movimento 5 stelle, con Daniele Farsetti, con un altro atto di indirizzo ha chiesto il recepimento da parte del Comune di Arezzo della convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità. “È una convenzione del 2006 che è entrata ufficialmente in vigore in 20 Stati membri nel 2008. Tra questi c'è l'Italia che l'aveva recepita fin dal 2007. Inclusione e contrasto delle discriminazioni devono tradursi da enunciazioni di principio in atti amministrativi. Se migliorano le condizioni dei disabili, non dimentichiamolo, migliorano le condizioni dell'intera società. Che anche il Comune di Arezzo si faccia dunque promotore della dignità dei disabili con azioni mirate come un osservatorio dove venga superata una certa carenza di comunicazione fra le istituzioni interessate. Ma l'istituzione di quest'ultimo potrà essere valutato in una successiva fase”.

“Siamo in linea con quella convenzione, lo dimostra la delibera approvata proprio stamani - ha precisato l'assessore alle politiche sociali Lucia De Robertis - il Comune di Arezzo è tra i pochi in Italia che spende milioni di euro per la socializzazione della disabilità”.

Anche questo atto è stato approvato all'unanimità.

 

 

  • Invialo ad un amico Invialo ad un amico
  • Versione stampabile Versione stampabile

Vota questo articolo

0