Nuovo hospice: i tempi non li decide l’Asl Tse ma la legge

0

La sede provvisoria sarà spostata da San Giuseppino ad Agazzi e l’Asl Tse impiegherà anche risorse proprie per il nuovo hospice al Pionta

L’Asl Tse  ha messo ha punto due ipotesi per il nuovo hospice nell’area del Pionta. Il calendario, e cioè il cronoprogramma, di realizzazione dell’opera non dipende però dall’Azienda ma dalle norme che devono ovviamente essere rispettate, pur nella consapevolezza della necessità dell’hospice.

“Questi elementi li abbiamo confermati nella riunione di ieri alla quale ha preso parte, per il Comune di Arezzo, anche la vice Sindaca Lucia Tanti – ricorda il Direttore amministrativo della Asl Tse, Francesco Ghelardi. In questa occasione abbiamo confermato due punti essenziali. Il primo è che la sede provvisoria dell’hospice sarà trasferita dalla San Giuseppino all’istituto di Agazzi nel più breve tempo possibile. Il secondo è che l’Asl Tse è pronta a realizzare il nuovo hospice nell’area del Pionta utilizzando non solo finanziamenti regionali ma anche risorse proprie. Segnale concreto, questo, dell’attenzione che l’Azienda sta dedicando all’hospice”.

I tempi, purtroppo, non dipendono dall’Asl ma dalle normative. Breve riepilogo. I tempi di appaltabilità dell’intervento  e quelli degli adempimenti tecnici richiedono complessivamente 14 mesi. Il dettaglio delle fasi: affidamento e acquisizione pareri; progettazione comprensiva di validazione; affidamento lavori e direzione lavori; approvazione del progetto da parte del Genio Civile; esame del progetto da parte dei Vigili del Fuoco. Una volta esaurita questa, si apre il cantiere e la stima dell’azienda è che siano necessari 18 mesi per realizzare l’opera.

L’Asl Tse è ovviamente consapevole della necessità dell’hospice e sarà sua cura ridurre al massimo i tempi nel rispetto delle normative