Agorà nella bufera. La cooperativa gestisce RSA ed accoglie centinaia di ricoverati con oltre 800 dipendenti. In carcere Daniele Mazzetti: per il Gip è lui il dominus di un’organizzazione da 25 milioni di debiti col fisco

24

I finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria di Arezzo, al termine di indagini delegate dalla procura della repubblica di Arezzo – in origine, dal dott. Andrea Claudiani, poi, dal procuratore della repubblica, dott. Roberto Rossi – hanno disarticolato un’organizzazione, con base nell’aretino e con operatività anche in regioni dell’Italia centro-settentrionale, attiva da anni nella gestione di strutture socio-assistenziali, in affidamento da enti pubblici e privati.

Il sodalizio ha ideato un collaudato schema, che prevedeva, tra l’altro, la partecipazione a “gare” pubbliche per l’affidamento di servizi socio-assistenziali, da parte di un consorzio, riconducibile agli indagati principali, per poi affidare l’esecuzione delle prestazioni a società cooperative “affiliate”, talora rappresentate da prestanomi.

Gli indagati, con il contributo di un consulente fiscale, ponevano in essere plurimi e ripetuti reati fiscali (omessi versamenti di tributi e indebite compensazioni), che, nel tempo, generavano un rilevante debito nei confronti dell’erario (mai onorato), in capo alle singole cooperative, poi sistematicamente poste in liquidazione e sostituite con altre, che proseguivano l’attivita’ con gli stessi dipendenti.

Nel complesso, e’ stato quantificato un ammontare di somme evase/non versate pari a 26 milioni di euro, costituenti il profitto illecito realizzato.

Le indagini hanno permesso di ricostruire puntualmente le dinamiche delittuose e di individuare ben 10 soggetti, denunciati, a vario titolo, per associazione per delinquere e reati fiscali.

Nella mattinata odierna, sono stati eseguiti un’ordinanza di custodia cautelare, nei confronti di 3 soggetti, vertici dell’associazione (1 in carcere e 2 ai domiciliari), varie perquisizioni ed un sequestro preventivo, per oltre 500.000 euro, quest’ultimo relativo alla compensazione di debiti erariali con crediti inesistenti, effettuata dall’ultima delle cooperative individuate.

L’operazione odierna testimonia la particolare attenzione della guardia di finanza al contrasto dell’evasione fiscale, che costituisce un grave ostacolo allo sviluppo economico, perche’ distorce la concorrenza e l’allocazione delle risorse, mina il rapporto tra cittadini e stato e penalizza l’equita’.

Da qui l’importanza dell’azione “chirurgica” svolta dal corpo contro gli evasori.

Questa la parte giudiziaria così come ce la raccontano le cronache di questi giorni. Personalmente non ho mai lesinato critiche alla gestione di Mazzetti, che in passato era già stato sotto il tiro incrociato delle procure marchigiane ed aveva già conosciuto le restrizioni della libertà.

Detto questo aspetterei a legare alla colonna infame gli uomini e le donne di Agorà. Aspetterei che fosse un tribunale a dirci di quali reati sono colpevoli e quale deve essere la loro pena.

Nel mondo dei media nessuno è rimasto realmente stupito. Agorà è sempre stata molto chiacchierata, ma proprio per questo non vorrei che questi arresti rappresentassero una sorta di autocompiaciuta rappresentazione del proprio pensiero.

Se il mostro in prima pagina aiuta a raccogliere lettori, raramente è utile a conoscere la verità.