Nasce il Premio Europa: ogni anno, premiate tre scuole della città. Obiettivo: la diffusione degli ideali europei fra i giovani

0

La giunta ha deliberato l’istituzione del Premio Europa alla memoria di Donato Palarchi. Il 9 maggio del prossimo anno, per la Festa dell’Europa e anniversario della storica Dichiarazione Schuman, avrà luogo la prima assegnazione.

Come si articola l’iniziativa e il suo significato lo spiega il sindaco Alessandro Ghinelli: “credo nella dimensione europea di Arezzo e ho lavorato da subito in questa direzione, sia con l’adesione al network Eurocities sia con altri atti, l’ultimo dei quali è stata l’adesione al Green City Accord. Ciò che mi preme sottolineare è che il collante fra comunità che l’Europa si è proposta di essere fin dal 1956 dovrebbe fare perno innanzitutto sulla cultura. Sfida non facile ma che ci assumiamo. Il premio che abbiamo istituito, quindi, a cadenza annuale, consisterà innanzitutto in una somma erogata dal Comune alle scuole di appartenenza delle classi vincitrici. Tale somma dovrà essere utilizzata per l’approfondimento della conoscenza delle istituzioni e delle politiche dell’Unione Europea. La distribuzione dei riconoscimenti comporrà un podio fondato sul merito: sono previsti infatti un primo, un secondo e un terzo premio rispettivamente di 2.000, 1.000 e 500 euro. Tutto ha preso le mosse dal ricordo di Donato Palarchi, Cavaliere della Repubblica scomparso due anni fa, precursore di una visione dell’Europa come casa comune dei diritti e delle opportunità. Nel 1971, Palarchi fondò il Circolo Verso l’Europa di cui ricorre il quarantennale. Tramite questa sua ‘creatura’, Palarchi nel corso dei decenni ha promosso l’assegnazione di un riconoscimento a personalità che si sono contraddistinte nel processo d’integrazione. Dopo la sua scomparsa, questo significativo appuntamento, elemento di prestigio per la città, rischiava di venire meno. Destiniamo l’iniziativa alle giovani generazioni, le future custodi dei valori fondanti dell’Unione”.

Ogni anno il Comune bandirà un concorso pubblico per le scuole superiori del Comune di Arezzo. I partecipanti a questa prima edizione, per l’anno scolastico 2021/2022, saranno chiamati a elaborare un video di pochi minuti in grado di comunicare una visione dell’UE che prenda spunto dalle priorità elencate nell’Agenda Strategica 2019 – 2024. I ragazzi dovranno calarsi nell’ottica di chi è “nato europeo” e desidera illustrare ai suoi coetanei le proprie idee in modo emozionale, creativo e coinvolgente.

Un’apposita commissione esaminatrice provvederà alla valutazione dei lavori pervenuti, alla selezione dei migliori video prodotti dalle classi partecipanti e all’individuazione delle tre vincitrici.

Alla conferenza stampa hanno partecipato Angioletta Palarchi, nipote di Donato che ha ricordato la frase di Alcide De Gasperi citata spesso dallo zio – “Il mondo è dei giovani” – e ha ringraziato il sindaco, la giunta, il Consiglio Comunale e il consigliere Marco Donati; Andrea Spertilli e Marcello Tavanti del Circolo Verso l’Europa che hanno ricordato come Donato Palarchi fosse “un marchio forte di valori”; lo stesso Marco Donati per il quale “Palarchi è stato il faro che mi ha fatto ‘attraccare’ alla politica”.

Il vicesindaco Lucia Tanti: “siamo veramente soddisfatti di rendere le scuole il punto di leva su cui fondare una ripartenza costruita sui valori”.