Mancò la fortuna non il valore

0
Ci aspettavamo una partita difficile, con il Ravenna alla disperata ricerca di punti e così è stato.
Dopo un avvio di partita ruvido e poco fluido, i romagnoli sbloccano il risultato approfittando di un errore grossolano di Cherubin.
Di Paolantonio pareggia dopo pochi minuti grazie ad una papera del portiere, ma nella ripresa l’Arezzo è veramente sfortunata. Altobelli e Di Grazia colpiscono i pali della porta avversaria, con il portiere ospite Tomei che riesce a parare miracolosamente un tiro di Carletti prima e di Sbraga poi.
Se vogliono ancora sperare in una salvezza al fotofinish, fra sette giorni gli amaranto dovranno fare almeno un punto a Cesena e sperare che il Ravenna non vinca con 5 gol di scarto contro la Fermana per agguantare gli spareggi finali.
Stadio “Città di Arezzo’’ – ore 20.30
AREZZO (4-3-2-1): 1 Sala; 16 Luciani, 5 Sbraga, 3 Cherubin, 19 Pinna (dal 16’ 15 Maggioni); 46 Altobelli, 4 Arini, 31 Di Paolantonio (dal 74′ 24 Piu); 10 Cutolo (dall’87’ 25 Sussi), 23 Di Grazia (dal 74′ 27 Perez); 8 Carletti (dall’87’ 44 Iacoponi)
A disposizione: 13 Melgrati; 21 Benucci, 26 Ventola, 29 Kodr, 35 Zitelli, 36 Karkalis, 37 Serrotti
Allenatore: Roberto Stellone
Indisponibili: Belloni, Bonaccorsi, Pesenti, Picchi
RAVENNA (4-3-3): 34 Tomei; 3 Vanacore, 15 Codromaz, 33 Boccaccini, 30 Perri; 26 Esposito, 27 Papa, 18 Rocchi (dall’84’ 8 Franchini); 7 Ferretti, 21 Sereni, 20 Martignago (dall’81’ 11 Marozzi)
A disposizione: 22 Raspa, 32 Albertoni, 2 Alari, 5 Fiorani, 10 Meli, 17 Mancini, 23 Caidi, 25 Jiday, 29 Benedetti, 31 Fiore
Allenatore: Leonardo Colucci
 
ARBITRO: Zufferli di Udine  – Assistenti: Pompei Poentini e Zampese – Quarto uomo: Bitonti
NOTE: gara a porte chiuse. Angoli: 4-6. Ammoniti: 17’ Arini, 23’ Perri, 81’ Sereni, 81’ Luciani. Espulso: 90’ Vanacore
RETI: 20’ Martignago, 28 ‘ Di Paolantonio