Posiziona reti di cattura per gli uccelli migratori ma è scoperto dalla Polizia Provinciale

0

Aveva posizionato delle reti per catturare uccelli migratori, ma è stato colto in flagranza di reato e denunciato dalla Polizia Provinciale di Arezzo.

Al termine di un’approfondita indagine, il 30 marzo scorso gli agenti hanno verificato che un uomo residente in Valdarno aveva piazzato le reti di cattura per avifauna in migrazione pre-nuziale, ovvero durante la possibile nidificazione.

In relazione al reato di uccellagione, sono stati sequestrati gli strumenti illegali di cattura e anche alcuni uccelli da richiamo legalmente detenuti dall’uomo ma che servivano per commettere l’attività vietata. Dopo aver informato il Pubblico Ministero di turno, il personale ha eseguito una perquisizione locale sequestrando altro materiale analogo.
Le indagini sono ancora in corso.

“La Polizia Provinciale di Arezzo – afferma il comandante Roberto Prestigiacomo – anche a seguito di nuove assunzioni e alla profonda riorganizzazione del Corpo intende incrementare il controllo del territorio per prevenire e reprimere gli illeciti amministrativi e panali delle materie di competenza specifica, con particolare riferimento ai crimini di bracconaggio o comunque ambientali che creano un diffuso allarme sociale”.