Esonerato Camplone. Arriva Stellone

0

La S.S. Arezzo comunica che Andrea Camplone è stato sollevato dall’incarico di allenatore della Prima Squadra. Oltre al tecnico, vengono sollevati dall’incarico anche tutti i componenti dello staff tecnico.

La S.S. Arezzo intende ringraziare Mister Camplone e tutto il suo staff per l’impegno e la professionalità dimostrate e augura a tutti loro le migliori fortune personali e professionali.

È inoltre fissata per domani lunedì 18 gennaio alle ore 14:00, presso la Sala Stampa dello Stadio “Città di Arezzo”, la conferenza stampa di presentazione del nuovo allenatore della Prima Squadra.

A questo punto la SS Arezzo si trova a pagare tre D.S., due direttori generali, tre allenatori.

Il nuovo allenatore amaranto è Roberto Stellone. Per l’ex compagno di squadra di Roberto Muzzi, sarebbe già pronto un contratto fino a giugno, con obbligo di rinnovo in caso di salvezza.

Una storia intensa, quella di Roberto Stellone

Il 14 giugno 2012, dopo un anno vittorioso con la Berretti, diventa allenatore del Frosinone. Nella sua prima stagione, centra un settimo posto, mentre nella stagione successiva arriva secondo in Lega Pro e ottiene la promozione in Serie B vincendo i play-off contro il Lecce.

Il 16 maggio 2015 al termine del primo anno in Serie B riesce a far conquistare al Frosinone Calcio, contro ogni pronostico, la prima promozione in Serie A con un turno di anticipo.

Il 31 maggio 2015, in seguito alla prima storica promozione in Serie A del club giallo-azzurro, diventa cittadino onorario di Frosinone insieme al resto della squadra.

Il 15 maggio 2016, in seguito alla retrocessione in Serie B, lascia la panchina dei Ciociari, dopo aver ottenuto la promozione in Serie B e successivamente quella storica in Serie A in soli quattro anni.

Il 4 luglio seguente diventa allenatore del Bari, in Serie B, firmando con i pugliesi un contratto biennale con opzione per il terzo anno. Il 7 novembre viene esonerato avendo collezionato 16 punti in 13 partite.

Il 28 aprile 2018 viene nominato nuovo tecnico del Palermo, subentrando a Bruno Tedino a quattro giornate dalla fine del campionato di Serie B 2017-2018, con la squadra seconda in classifica e in corsa per la promozione diretta, con una partita giocata in più rispetto al Parma.

Conduce i siciliani al quarto posto e dunque ai play-off, dove il Palermo elimina in semifinale il Venezia, 1-1 a Venezia e Palermo 1 – Venezia 0 al Barbera, e approda alla finale con il Frosinone.

Malgrado la vittoria per 2-1 all’andata al Barbera, il Palermo perde per 2-0 il ritorno allo Stirpe, fallendo quindi la promozione in Serie A.

Stellone viene sollevato dall’incarico il 9 luglio, contestualmente al ritorno sulla panchina di Bruno Tedino. Il 26 settembre 2018 viene nuovamente chiamato a sostituire Tedino alla guida del Palermo, essendo ancora sotto contratto con la società.

Dopo un buon avvio che vede il Palermo al primo posto alla fine del girone d’andata, il 23 aprile 2019 viene esonerato dopo l’1-1 casalingo contro il Padova, con la squadra al terzo posto a quattro giornate dal termine del campionato di Serie B.

Il 2 febbraio 2020 viene annunciato come nuovo allenatore dell’Ascoli, in quel momento a metà classifica in Serie B, con un contratto fino al 2021. Cinque giorni dopo, al debutto, pareggia per 2-2 con la Juve Stabia; seguono 3 sconfitte e un altro pareggio che fanno scivolare la squadra in zona play-out.