Nuovi assetti bancari in provincia, un focus su BPER Banca

0

Si sta concretizzando la grande operazione bancaria nazionale che vede Banca Intesa acquisire UBI e contestualmente cedere ben 500 filiali di questa a BPER Banca.

Infatti, venerdì scorso, UBI – che fa già parte del Gruppo Banca Intesa – ha comunicato ufficialmente le diciotto filiali della nostra provincia (tutte ex BancaEtruria) che verranno cedute a BPER Banca, assieme a 120/130 dipendenti; in Toscana, siamo l’unica provincia ad essere interessata da tale cessione, che verrà perfezionata a fine febbraio.

Nel dettaglio, delle diciotto filiali cedute, otto sono nel Comune di Arezzo, compresa la sede storica di Corso Italia con anche una bella fetta del mercato dell’oro, e vanno ad aggiungersi all’unica agenzia BPER ex Unipol già presente; dieci sono invece nel resto della provincia, soprattutto nel Casentino e anche in Valtiberina, mentre poco viene interessato il Valdarno – passando solo la filiale di Castiglion Fibocchi – e per nulla la Valdichiana, dove restano a Intesa tutte e cinque le filiali UBI.

Ora, da una parte abbiamo un vero e proprio gigante bancario, Intesa, che si trova al vertice nazionale e che si proietta ai vertici europei, e storicamente e massicciamente presente nei nostri territori; dall’altra, abbiamo BPER Banca, poco conosciuta da noi, ma che – con  milleottocento filiali – diventerà la terza banca italiana, andando in qualche modo a prendere il posto in classifica che era di UBI. Una banca, BPER, che si era offerta anni fa di rilevare proprio BancaEtruria, all’epoca della sua crisi, quand’era stata messa all’asta con altre banche.

Dopo questa operazione, BPER Banca avrà in Toscana una cinquantina di filiali e sarà proprio la nostra provincia quella con la presenza regionale più forte, e di gran lunga. Così, ci auspichiamo una particolare attenzione da parte della dirigenza della banca modenese e della Direzione regionale di Firenze, a partire dalla valorizzazione del personale, con qualificati percorsi professionali, nonché in ordine ad adeguate strutture organizzative.

Ci aspettiamo presto da BPER Banca un bel progetto legato al nostro territorio, territorio che diventerà molto  importante per la sua presenza in Toscana. Da parte nostra, possiamo assicurare che troveranno un personale bancario molto qualificato, serio e più che pronto a questa nuova sfida professionale, per il bene dei clienti e delle economie dei territori. La FABI, il primo sindacato in Italia nel settore bancario, lavorerà come sempre per tutelare e valorizzare i lavoratori.

Fabio Faltoni

FABI Federazione Autonoma Bancari Italiani