Toscana in zona rossa da domenica: che cosa si può fare e che cosa non è consentito nelle zone rosse

1

Ecco le nuove regole per i toscani, che passano da arancione a rosso: di Covid-19 si può morire o si può infettare qualcuno provocandone la morte quindi più che i Dpcm e le ordinanze contano i comportamenti di ciascuno.

  • MOBILITA’. Il principio di base è che senza una valida ragione per uscire, è obbligatorio restare a casa.
  • ALBERGHI Le strutture ricettive restano aperte. È consentita l’attività di ristorazione senza limiti di orario per i soli clienti pernottanti.
    ASILI Nidi e scuole dell’infanzia in Italia sono aperti mentre in Campania sono chiusi fino al 14 novembre.
  • ASPORTO/A DOMICILIO Nelle aree rosse è la sola attività possibile per ristoranti, bar, pasticcerie, gelaterie. L’acquisto di cibo da asporto è permesso fino alle 22. Per la consegna di alimenti a domicilio non c’è limite di orario.
  • AUTOBUS La capienza massima per bus, tram, metro, funicolari e treni locali è del 50%.
  • AUTOCERTIFICAZIONE È sempre necessaria. La multa per chi si sposta senza valido motivo di lavoro, salute, studio o necessità è di 400 euro.
  • AUTOSTRADE Restano aperti senza limiti di orario gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande delle aree di servizio in autostrada, così come negli ospedali e negli aeroporti.
  • BAR Nelle zone rosse sono aperti solo per i servizi da asporto o di consegna a domicilio.
  • BICICLETTA Si può utilizzare come mezzo di trasporto per andare al lavoro o a fare la spesa, non come attività motoria.
  • CANI Accompagnare il proprio cane per le esigenze fisiologiche è una necessità, quindi non ha limiti di orario.
  • CARCERE Gli spostamenti per fare visita alle persone detenute sono sempre vietati, non potendo ritenere che tali spostamenti siano giustificati da ragioni di necessità o da motivi di salute. In tali casi i colloqui possono perciò svolgersi esclusivamente in modalità a distanza.
  • CENTRI COMMERCIALI Sono aperti solo per alimentari, tabacchi, edicole, farmacie e parafarmacie.
  • CERIMONIE Sono vietate, come tutte le altre feste. Così come sono proibiti convegni, conferenze, congressi, spettacoli.
  • CONCORSI È sospeso lo svolgimento delle prove preselettive e scritte delle procedure concorsuali pubbliche e private e di quelle di abilitazione all’esercizio delle professioni, a esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica, nonché a esclusione dei concorsi per il personale del servizio sanitario nazionale.
  • CONDOMINI Sono possibili (ma fortemente sconsigliate) le assemblee in presenza.
  • COPRIFUOCO Scatta alle 22 e dura fino alle 5 del mattino. Sono consentiti gli spostamenti con autocertificazione per lavoro, salute, studio e necessità. Anche in tale caso la multa minima per chi trasgredisce è di 400 euro.
  • JOGGING La corsetta sportiva è consentita nei pressi della propria abitazione e in forma individuale.
  • MANIFESTAZIONI Vietati i cortei e tutte le manifestazioni pubbliche.
  • MERCATINI NATALIZI Cancellati, come tutte le sagre e fiere.