Covid-19: il sindaco Ghinelli annuncia una “task force” per affrontare l’emergenza

1

“Ribadisco la disponibilità del Comune a sostenere la Asl per accelerare i percorsi di tracciabilità dei contatti. Situazione non ulteriormente rinviabile”

“Una ‘task force’ ristretta che funzioni da cabina di regia all’interno della quale condividere azioni mirate alla gestione dell’emergenza sanitaria. Da sindaco, responsabile ultimo della salute dei cittadini, mi rivolgo ai soggetti che insieme al Comune sono in prima linea, a partire dall’azienda sanitaria, affinché accolgano il mio invito a dare avvio a un’unità operativa in grado di porre in essere azioni specifiche e di attivare puntuali momenti di approfondimento aperti alle realtà più suscettibili di criticità. Sono certo di trovare la più ampia disponibilità ad affrontare insieme questo momento così complesso”.

A seguito del progressivo aumento in città dei contagi da Covid-19 il sindaco Alessandro Ghinelli ha deciso di farsi promotore di una nuova realtà operativa dedicata alla gestione dell’emergenza sanitaria. Lo ha fatto con una lettera inviata in data odierna e indirizzata al vicesindaco e assessore alla sanità del Comune Lucia Tanti, al direttore della asl sud-est Antonio D’Urso, al direttore dell’ospedale San Donato Barbara Innocenti, al direttore della zona distretto Aretina-Casentino-Valtiberina Evaristo Giglio, al presidente dell’ordine dei medici Lorenzo Droandi: un invito a essere parte attiva, operativa e propositiva per la messa in atto di scelte e strategie capaci di dare risposte e trovare soluzioni alle problematiche derivate dai numeri crescenti di contagio. Si tratta di difficoltà emerse in particolare tra gli stessi operatori sanitari, chiamati a dare risposte a un numero sempre più consistente di richieste, e tra i cittadini che lamentano carenza nelle informazioni.

“In un momento delicato come quello che stiamo vivendo – conclude il sindaco Ghinelli – il richiamo alla responsabilità non deve fermarsi ai comportamenti individuali di tutela della salute ma estendersi ai soggetti istituzionali e operativi coinvolti affinché vengano condivise e messe in atto scelte finalizzate alla migliore gestione dell’emergenza. Questo, il senso della ‘task force’, dalla quale deriveranno azioni a supporto anche dei settori più sensibili, quali scuola, trasporti, attività produttive, settore farmaceutico, quest’ultimo in particolare, possibile punto di snodo per una sempre più capillare azione di prevenzione. Nell’ottica della condivisione e collaborazione, ribadisco la disponibilità dell’amministrazione comunale a creare un nucleo operativo distaccato dalla asl a supporto del tracciamento, nonché l’impegno economico all’acquisto di test seriologici per uno screening diffuso”.