Nel segreto della cabina elettorale Dio ti vede…Ghinelli & Co no!

1

Solo i pochissimi che non conoscevano le vicende/vicissitudini che ho subito all’interno del CdA Casa Pia nel ruolo di Vicepresidente, cercando di esercitare il mio dovere, in modo integerrimo, nell’interesse esclusivo del Bene Comune, essendo sempre stato testa pensante, libera ed incredula agli Asini che volano, sono rimasti sorpresi del mio non sostegno categorico ( senza mal di pancia rassicuro qualche esimio  collega della carta stampata ) all’ex sindaco (uscente) Ing. A. Ghinelli, nonostante cinque anni fa con 79 voti ho contribuito, di fatto, alla sua elezione.

Capitolo chiuso con l’impegno civico in Politica? No, ho declinato inviti a candidature di partiti e liste di primissimo (presunto) acchito, piu’ blasonate rispetto a PRIMA AREZZO per il semplice fatto che sostengono imperterrite l’ex sindaco Ghinelli… che qualora dovessero ( a mio opinabile avviso – utopisticamente)  (ri)vincere l’elezioni non saranno libere d’agire ed operare per il Bene Comune, non è la singola somma dei beni, semplicemente  perché le scelte verranno impartite dall’alto da gente convinta per ignoranza toponomastica, che Pratantico si trovi altrove, Puglia regione del Sud Italia ed il Matto colui che soffre di disturbi mentali. Soprattutto, se mi fossi candidato con chi sostiene l’ex sindaco, avrei corso il rischio concreto, di dover credere agli Asini che volano. Sic! Ciò non fa parte della mia indole e modus operandi, vivendi, educandi. La (mia) coerenza è un valore serio non negoziabile!

Il mio candidato alla carica di Sindaco, mi auguro lo diventi  anche per la maggioranza degli Aretini, si chiama Fabio Butali – lista civica trasversale PRIMA AREZZO. Vi risparmio le motivazioni della scelta, a partire da quella eseguita con il cuore a quella del programma. Ad una settimana dalla chiusura della campagna elettorale ho cercato di evidenziare e certificare tante micro e macro criticità che gli abitanti di periferia, in modo particolare, vivono quotidianamente sulla loro pelle nonostante le promesse volatizzate nel pulviscolo dalle giunte degli ultimi 20 anni.

Navigando per il web ho trovato un post pubblico e foto di un cittadino Aretino, Prof. Francesco Manneschi, denuncia nella centralissima via Cimabue quartiere Giotto una situazione nel suo piccolo emblematica e comune nella sostanza a quelle dal sottoscritto filmate nei video pillole.  Anche lui sperava nell’operato dell’ex sindaco Ghinelli.

Ci chiediamo se una Giunta, un Sindaco non è capace o non ha l’autorevolezza, l’autorità di stasare o far stasare una semplice caditoia, in un quartiere centrale della città, per quale motivo un cittadino Aretino dovrebbe (ri)votare il candidato a sindaco Ghinelli e tutti gli altri che lo sostengono?

Meditate gente, meditate…! Una vecchia massima del 18 aprile 1948, del mastodontico Guareschi, sempre attuale così recita(va): “ Nel segreto della cabina elettorale Dio ti vede, Stalin ( Ghinelli & Co ) no”!

Il prossimo 20 – 21 settembre per l’elezioni amministrative barra il simbolo PRIMA AREZZO ed il nome candidato a sindaco Fabio Butali scrivi per la preferenza a consigliere comunale  BRAY.

Se, messi alla prova vi deluderemo non essendo stati all’altezza e pur non avendovi costretti a credere agli Asini che volano, vi autorizzeremo a prenderci a pedate nel deretano.

Ad maiora!