Siluro sganciato

0

di maurizio Bianconi

Voialtri lo sapete come so fatto io: mei e pu’ mei me so intrappoleto co le nene de la puliteca. Quande c’era da vire a votare quella de la’ andava dal prete a fasse rincoglionire del paradiso de l’inferno, che era peccato votere qui nveci che la’ . Io andavo al Palazzo a le scoline, piglievo que’lenzoli che me deveno  entrevo nel bugigattolo e l’arpieghevo cusi’ com’ereno, anco se me ce vulia, perche‘ m’enfranavo sempre.

Un dicìo “Ho voteto tene o lu’o quel’altro”. Al barre gne dicìo il voto e’ segreto. Ma na cosa ve la dico. Come dice la mi sposa e il prete, mei, veroddio. ”Cusi’ li facìo ridere e penseveno ch’ero de sua e non me rompeveno i coglioni, co la sezione, la tessera e quele intramene. Ora che so quassue a la merigge  e il citto de la mi citta, come vo’ ditto n’antra volta, ariva qua a frescheggiare. Lu nveci se fa el chepo boglio con tutte quele cazzate. Anzi ve posso dire che e’ un passionista de queli sodi. Un ho capito bene con chi sta, perche’ me pere che cambi parecchio alla sviltina. A me ,me garba poco sto saltellere de quane e de lane, ma lu’ m’ha ditto che ora se fa cusi’ e nissuni un dice piu’ na sega nulla. Boh. Ma porto per esempio uno che gne dicìa “:Siluro”. Gno ditto “Siluro?Ma che cazzo de nome e’?” ”None, e’ come gne dicono” ”Ah-ho ditto io- e perche ‘ gnene dicheno ?” “So na sega, gnene dicono e stoppe” .”E sto Siluro c’ha fatto , ha cambio spesso?

“Alora m’ha spiego che prima era in un partito, poi e’ vito con quel mattarino de Firenze che sembra el citto scemo del Merolla che c’avia la lisca e quande guardava in sue, parìa svinisse da n momento  a quel’altro, pu’ e’ vito con queli che i marocchini li affogherebbon tutti, che prima dicìano che vulivino anda’ da se’ , la successione, dicivono, e pu che Garibaldi era na merda, e ora nveci el su capo s’e’ come cunvirtito, prega anco ala televisione con quela che un se zitta mei e che gne piace a quella vecchia de la’ e a me m’ha fatto du ‘ coglioni come du ova de nana, e c’ha l’ rosario fra le mene che quande lo vidi me paria de sognere, e ora e’ tutto viva l’Italia, come dicìono que’ matti che ora un ce son piu’ che bercevon come diaveli e li comandeva il bebo del sindeco de ora. Pu’ e’ ito pecconto suo perche’ s’e’ atriccato col sindeco ‘ngegneri. Poi e’vito con Bellusconi che e’ anzieno come me, ma me piace perche’ dice che borda come un citto de primo pelo. Eppu’ me dice il citto de la mi citta, se l’ nculati tutti perche’ ha ditto che sta a chesa.”Salto un giro”ha ditto. M’ha spiego sempre lu che quelli che lo vulivino pe’ acattare un po’ de voti e aivon mando via quelo e quel’altro peffagne posto hano una mana davanti e una de dietro. Queli che vulivon che andasse da se’ pe’ fa danno a queli e a quel’ altri anco loro son li’ a guardasse , el sindeco che digia’ penseva “M’avra’ anco ditto che so , come ha ditto? , bipo…bipo… insomma che un ce so tutto,pero’ coi su voti rivinco n’altra volta e vado n culo a tutti lu compreso”. Nveci lu’ niente, sta a chesa e l ha lasci tutti .. come se dice?, con du palle ‘ntorno al culo.”Ah -ho ditto al citto de la mi citta, che m’avia sfreneto  tutto sto ngarbuglio -te le se tutte, ma non se perche’ lo chiameno Siluro. Questo caro el mi cittino te lo posso spieghere io, che te pulitica un ce capisco , ma alla mi eta’ de inculate so’ maestro