Bomba inesplosa: Casentino diviso in due. Asl garantisce i servizi alla popolazione che rimarrà temporaneamente isolata

0

Due sanitari in sala operativa di cui uno con funzioni di Direttore dei soccorsi in centrale operativa ed uno al posto di comando avanzato a Corsalone, un sanitario disaster manager al Centro Coordinamento sanitario riunito in Prefettura, un’ambulanza medicalizzata presso l’ospedale di Bibbiena e 5 ambulanze con defibrillatore ( 1 del 118 e 4 del Comune). Ecco l’impegno della Asl TSD e in modo particolare della Centrale operativa 118 in occasione delle operazione per il disinnesco della bomba della seconda guerra mondiale ritrovata vicino alla stazione di Rassina. Operazione in programma nella giornata di domani, domenica 14 giugno La gestione delle operazioni è dell’Esercito che effettuerà il disinnesco e che dispone di un suo servizio di supporto sanitario militare. Il Casentino per circa un’ora e mezza verrà diviso in due. La presenza dei mezzi e dei professionisti della Usl garantirà minori disagi e pronto intervento per la popolazione. In questa occasione è stato anche potenziato il pronto soccorso dell’ospedale di Bibbiena in modo da poter garantire una prima stabilizzazione dei pazienti.