Tanti: “Se anche oggi e domani saremo città covidfree, si allenterà la stretta sui Cas”

0

“Il 2 giugno saranno 15 giorni consecutivi che ad Arezzo non si conta nessun nuovo contagio. Una tendenza ottima, anche molto più incoraggiante di quanto non stia succedendo nel resto della Toscana dove – seppur le cose per fortuna stiano andando egregiamente – via via spunta un nuovo contagiato quotidiano. Se il trend per Arezzo sarà quello di questi ultimi giorni, sarà possibile allentare un po’ la stretta e dare il via ad una prudente ripartenza, anche per i centri di aggregazione sociale”.

Così l’assessore alle politiche sociali, sanitarie, della scuola e della famiglia Lucia Tanti. “Resta inteso e pure scontato – prosegue – che saranno vietate tutte le attività che prevedono la compresenza di diverse persone e che non consentono il distanziamento sociale, ma ciò non toglie che, a questo punto, le porte dei centri si possano riaprire con percorsi in sicurezza e attività modulate. Una ripartenza prudente che possa dare fiducia ma anche garantire sicurezza sanitaria.
L’amministrazione è a disposizione per sostenere i centri sia nella rimodulazione degli spazi che nella programmazione di attività sperimentali che debbono poi essere avallate dall’organo di controllo sanitario. Si riparte, quindi, a piccoli passi, che sono gli unici che ci possono portare lontano: a mio avviso, per riavviare le iniziative la cosa più prudente è iniziare con le attività del bar del circolo interno, così da dare una risposta alle persone più sole e con meno possibilità di poter avere compagnia.
Purtroppo la vita vera dei centri di aggregazione sociale non sarà possibile e temo che non lo sarà per un tempo non brevissimo, ma oggi – a seguito dei dati confortanti di queste ore che ci rendono città CovidFree – si può ragionevolmente pensare ad un primo, timido passo verso la normalità, dedicato e pensato per chi è in una situazione di maggior solitudine.
So bene che i centri di aggregazione si realizzano nell’aggregare e tutti sappiamo che oggi aggregare non è possibile, ma so anche che ci sono atti simbolici che possono segnare nuovi inizi e dare nuova fiducia. So anche che aver tenuto chiuso per alcune settimane non è stato popolare, ma sono certa che sia stato giusto così, come sono certa che i dati di questi giorni ci possono sostenere nella bontà di una parziale ripartenza che ha più un valore simbolico che concreto, ma che non è meno importante”, conclude l’assessore Tanti.​