La Fondazione Arezzo Intour presenta il report delle attività

0

Il bilancio che fotografa il lavoro degli ultimi anni

Si chiama Annual Report ed è il bilancio che fotografa il lavoro della Fondazione Arezzo Intour dalla sua nascita a tutto il 2019, un volume che, in appena 70 pagine, offre un agile racconto di quello che è stato ideato, promosso e realizzato. Dati, strutture operative e numeri che raccontano di un’attività importante svolta in un territorio che, durante il 2019, ha fatto registrare più di 500mila presenze turistiche nel solo Comune di Arezzo, ovvero un 80 per cento in più rispetto al 2014 e un aumento delle strutture ricettive del 75 per cento.

Un lavoro di squadra che oltre al board della Fondazione, che ha come socio fondatore il Comune di Arezzo, ha visto la partecipazione attiva di 57 soci sostenitori, 5 soci in partecipazione, 15 soci istituzionali e 25 dipendenti e collaboratori. Ma oltre a presentare l’asset societario con le strutture di cui la Fondazione si è dotata, l’Annual Report ripercorre l’importante percorso di marketing e comunicazione che è stato realizzato e che ha portato Arezzo e il suo territorio all’attenzione di media nazionali e internazionali con oltre 1500 uscite in giornali e riviste.

Una visibilità che ha visto una crescita straordinaria della “reputazione” di Arezzo anche sulla rete, attraverso l’uso strategico dei canali social. Nel 2019, sfiorano quota 10 milioni le visualizzazioni degli account social legati alla Fondazione con oltre 370mila interazioni e scambi di messaggi tra utenti. Il report ripercorre poi la costruzione del brand turistico “Discover Arezzo” e le attività delle singole business unit nate all’interno di Arezzo Intour come Arezzo Antiquaria, Arezzo Cinema, Arezzo Wedding, Arezzo Outdoor, Arezzo MICE.

Non mancano i dettagli sulle opere compiute nel 2019 come la realizzazione della nuova sede della Fondazione in via degli Albergotti e il nuovo ufficio turistico delle Logge Vasari con la biglietteria, il merchandising e l’editoria turistica che ha portato all’edizione di una nuova guida in formato tascabile, disponibile in italiano, inglese, tedesco, francese, spagnolo, e della nuova mappa della città distribuita gratuitamente e disponibile in 8 lingue diverse: italiano, inglese, tedesco, francese, spagnolo, russo, cinese e giapponese. Infine la pubblicazione dà conto dei grandi eventi ideati e promossi dalla Fondazione Arezzo Intour e di quelli a cui la stessa ha offerto un supporto organizzativo e di comunicazione.

“L’Annual Report – commenta Marcello Comanducci presidente della Fondazione Arezzo Intour – racconta l’enorme lavoro che la Fondazione ha svolto finora dotandosi di competenze, strutture e mezzi. Mi preme di ringraziare il Comune, la Giunta, il Consiglio Comunale, il cda, i soci e tutti i dipendenti e collaboratori per aver creduto in questo progetto. Un percorso innovativo e ambizioso che l’attuale emergenza sanitaria mette a dura prova. Ma mai come adesso siamo convinti che la strada avviata non debba essere fermata e anzi sia indispensabile implementare idee e energie per ripartire al meglio con strategie che andranno calibrate alla luce dei nuovi scenari che si presenteranno. Essere pronti alla ripartenza potrebbe dare ad Arezzo grandissimi vantaggi rispetto ad altre realtà turistiche ed è per questo che crediamo indispensabile continuare a credere e investire nel lavoro della Fondazione”.

“La Fondazione Arezzo Intour – commenta il direttore Rodolfo Ademollo – forte del lavoro finora svolto non si è mai fermata ed è pienamente operativa per prepararsi al futuro. Non avremmo mai immaginato di dover affrontare una sfida tanto difficile ma con la solita passione e il solito entusiasmo riusciremo a costruire un qualcosa di nuovo. In questo periodo stiamo lavorando con i soci per farci trovare pronti quando sarà il momento di ripartire”.

Il report è disponibile e consultabile in formato pdf al link

Azioni