Lettera aperta. Cari amici rigutinesi e vitianesi…

1

Come ben sapete, ieri la ASL ha ritenuto l’Hotel Planet di Rigutino non idoneo all’accoglienza di malati di coronavirus “paucisintomatici”.
Come ha affermato il Sindaco Ghinelli nel suo profilo Facebook:

“Per quanto riguardava i dati tecnici è stata fatta da parte della ASL una ulteriore valutazione a seguito della quale il parere inizialmente positivo si è trasformato in un PARERE NEGATIVO. Il punto di svolta è stata la valutazione più approfondita circa la RETE FOGNARIA, ritenuta NON ADEGUATA per questo utilizzo”.

Probabilmente, ricorderete le varie perplessità formulate da un comitato di cittadini di Rigutino e Vitiano all’Amministrazione Comunale ed anche alla Procura nel 1995, quando era in corso I’iter di approvazione della lottizzazione “Planet” (tecnicamente “zona D di P.R.G.”). Fra le varie osservazioni veniva contestato il fatto che le FOGNE non erano idonee a sopportare quella lottizzazione. E ancora non sapevamo degli alberghi!

Adesso ci dicono che la RETE FOGNARIA non è adeguata “per questo utilizzo”.
La ASL ed il SINDACO ci devono dire esplicitamente se le FOGNE dell’HOTEL PLANET non sono idonee SOLO ad accogliere i malati di coronavirus “paucisintomatici” o per tutte le attività.

Ci devono dire se LE FOGNE dell’intero complesso PLANET (Hotel Planet, Hotel Galileo, esercizi commerciali ecc.) sono ADEGUATE all’uso.

Ci devono dire se in questi 20/25 anni (considerando che nel lotto ci sono stati per un periodo anche una discoteca e un ristorante), queste FOGNE possono aver provocato inquinamento alla falda e pericoli alla salute dei CITTADINI di RIGUTINO e di VITIANO.
ASL e COMUNE devono essere chiari e trasparenti.
Cosa ne pensate?

Santino Gallorini

A caldo aggiungo (come redazione) il commento di un albergatore aretino

Ed infine l’intervista a Ghinelli e D’Urso

Sulla questione mi riservo di intervenire ancora, magari solo per stigmatizzare la caciara di quattro scalmanati, prontamente raccolta dal sindaco.