Lettera aperta al presidente dell’ordine degli avvocati

1

Gentile Presidente Roberto De Fraja,

assistiamo, quasi inermi, a questa diffusione del virus che a quanto pare non accenna allo stato a diminuire.
Gli organi sanitari dello Stato e degli Enti territoriali stanno faticosamente cercando di arginare o limitare i contagi nel territorio nazionale, ma pare che non basti.
Nell’ambito della Giustizia ci sono stati provvedimenti occasionali di dirigenti e per ultimo quello del Presidente Archivio notarile di Arezzo che invita gli avvocati a limitare gli ingressi presso quella sede.(!)
Dal canto nostro come avvocati di Arezzo, conosciamo la situazione di tutte le udienze presso il nostro Tribunale.
Sopratutto i penalisti si trovano ad affollare le aule, i corridoi e gli spazi disponibili nel Foro.
Si trovano altresì a frequentare le carceri non solo di Arezzo dove, sinceramente, si dubita della messa in sicurezza di uomini e cose.
Infine, siccome gli Avvocati non dipendono da nessun Ministero con la presente Ti vorrei invitare, perché conosco bene la Tua sensibilità, a voler adottare se lo ritieni ogni provvedimento utile e/o indispensabile a proteggere gli iscritti oltre a chi scrive da possibili conseguenze contagiose di questo virus.
Grazie comunque per quello che potrai fare e grazie per avermi letto.
Con stima Avv. Domenico Nucci