Castiglion Fiorentino: nota del gruppo Castiglioni nel Cuore

0
Il consiglio comunale di Martedì 28 Gennaio ci ha visti protagonisti di diverse interrogazioni ed interpellanze, che hanno evidenziato una volta di più (se mai ce ne fosse stato bisogno) tutta l’inadeguatezza e l’improvvisazione della maggioranza.
A partire dalla SANITA’, dove abbiamo chiesto lumi sugli sviluppi e sulle strategie che verranno messe in atto dalla CONFERENZA DEI SINDACI della VALDICHIANA, per risollevare le sorti dell’Ospedale della Fratta appena passato sotto la direzione di Arezzo.
Sull’argomento il Sindaco si è dimostrato piuttosto confuso affermando, diversamente dal recente passato, di avere grandissima fiducia sull’operato della CONFERENZA DEI SINDACI della VALDICHIANA, (guarda caso a trazione “destra”…..), ma di nutrire forti dubbi sulla rinascita dell’ospedale della vallata. Un po’ come dire che la FERRARI è una grandissima casa automobilistica, ma difficilmente riuscirà a costruire una macchina con quattro ruote. Contento lui…
Da parte nostra gli abbiamo chiesto di affrontare il problema SANITA’ seriamente, vista l’importanza della struttura ospedaliera in questione, oltre a ricordargli che a Castiglion Fiorentino esiste anche la Casa della Salute della quale sembra si sia completamente dimenticato.
Per non parlare poi della “QUESTIONE ABOCA”, sulla quale il nostro capogruppo Casagni ha incalzato la giunta chiedendo tutele e rispetto per i nostri concittadini agricoltori e consumatori. E’ grave che qualcuno, anche se patron di una grande azienda come ABOCA, lanci pubblicamente accuse pesanti nei confronti di un territorio, senza mostrare un documento, un numero certificato, o uno straccio di prova a supporto. Ed è altrettanto grave che un Sindaco, anziché schierarsi dalla parte degli agricoltori e  dei suoi cittadini, che dovrebbe rappresentare, preferisca invitare a cena ABOCA e BONIFICHE FERRARESI. A peggiorare la propria posizione ci ha pensato lo stesso Agnelli affermando che ABOCA e BONIFICHE FERRARESI, avendo importanti patrimoni nel comune di Castiglion Fiorentino, hanno diritto a maggior attenzione rispetto a tutti gli altri produttori agricoli locali ai quali, parole sue, “…penserà dopo….”. Senza però, come sempre, specificare quando…..
Siamo sconcertati e molto arrabbiati. Per noi chi accusa Castiglion Fiorentino e i castiglionesi, o porta le prove indicando esattamente mancanze e colpevoli oppure deve essere pronto a rispondere delle proprie affermazioni.
Abbiamo poi “stretto all’angolo” la maggioranza anche sul tema “RISTORAZIONE SELVAGGIA” nei circoli. Abbiamo ricordato al Sindaco che non è corretto “sparare nel mucchio” come è solito fare perché, in questo modo, vengono colpiti anche i circoli o le associazioni che rispettano le regole e svolgono un grande servizio sociale per la comunità. Cercare di colpire un po’ tutti per, alla fine, non colpire nessuno, oltre che essere profondamente ingiusto è anche indice di poco coraggio. Piuttosto lo abbiamo invitato a incominciare con i controlli che, per adesso, sono rimasti soltanto nei titoli di giornale. Ma la parte migliore è arrivata nella risposta di Agnelli, il quale ha dichiarato che, ai controlli, preferisce “fare educazione” insieme all’assessora Sebastiani. Convinto lui…
E’ invece chiaro come la strategia del Sindaco, in perenne campagna elettorale, sia mirata esclusivamente a non perdere consensi, piuttosto che ad amministrare correttamente.
Ci teniamo a specificare una volta di più, se ancora non fosse chiaro, che noi la pensiamo esattamente al contrario e che, al posto suo, avremmo iniziato a fare rispettare le regole già da tempo, scegliendo ciò che è più GIUSTO per la collettivita’ e non quello che è più COMODO per il proprio tornaconto.
Il Gruppo Castiglioni nel Cuore