I misteri della matematica aretina e il concorso per agenti della polizia locale…

9

Si e’ svolto il 18 dicembre, il concorso per 10 posti da agente di polizia locale del comune di Arezzo.

La prova scritta, consisteva in 30 domande a quiz.

All’inizio del test, e’ stato consegnato un foglio contenente istruzioni e metodo di correzione: ad ogni risposta esatta sarebbe stato assegnato un punteggio di 1,20, ad ogni risposta errata sarebbe stato sottratto un punteggio di 0,15, a nessuna risposta nessun punteggio. Un metodo standard, molto comune nei concorsi a quiz.

L’arcano che ha lasciato perplessi tanti esaminandi, sta nell’ultima riga: il voto è espresso in 30simi, mentre la somma dei risultati, se tutti positivi, darebbe 36.

La somma va quindi rimodulata.

In realtà sarebbe bastato dare un punteggio di 1 per ciascuna delle 30 domande giuste e sottrarre 0,125 per ogni risposta errata, ma si è deciso per questo strano ragionamento.

Ricordo che un mio professore diceva sempre che scegliere il procedimento piu’ lungo in matematica, è di per sè un errore. Non grave, ma un errore.

Ringraziamo il professore Martelli per l’illuminazione.