POLITICA, DIRITTO, UTOPIA – AD AREZZO UN CONVEGNO INTERNAZIONALE DI STUDI

0
????????????????????????????????????
ACCADEMIA PETRARCA DI LETTERE ARTI E SCIENZE APS – AREZZO
CENTRO PER LO STUDIO DEI CLASSICI DELLA FILOSOFIA POLITICA – AREZZO
Arezzo, Casa del Petrarca, 30 novembre – 1 dicembre 2019
Sabato 30 novembre 2019, ore 10,30-13,00; 15,30-18,00
Domenica 1 dicembre 2019, ore 10,00-13,00
Il convegno su “Politica, utopia, diritto” si prefigge di approfondire il complesso rapporto tra utopia, intesa quale “tipo” ideale del buon governo, e politica (naturalmente intesa nella sua dimensione più alta e filosofica). Si tratta di un tema di stretta attualità e intensamente dibattuto alla luce dei profondi rivolgimenti intervenuti a livello planetario negli ultimi trent’anni sotto molteplici punti di vista, con il crollo di certezze ritenute incrollabili, con l’affacciarsi di profonde crisi economiche e politiche e con il sorgere, improvviso e accelerato, di sfide sempre nuove (i grandi flussi migratorii, i mutamenti climatici, ecc.): rivolgimenti che inducono a riflettere con attenzione sui modi e i tempi più opportuni per affrontarli senza mai smarrire  il rapporto tra eticità e istituzioni Per discutere di questi argomenti si riuniscono ad Arezzo alcuni dei più noti e illustri specialisti italiani e tedeschi (delle università di Lipsia, Bonn e Treviri); ed è particolarmente significativo il ruolo svolto accanto all’Accademia Petrarca, nell’organizzazione di questa Giornata di studi, dal Centro per lo studio dei classici della filosofia politica, sorto ad Arezzo da qualche anno in stretto collegamento con l’Università Federico II di Napoli e già partecipe di varie analoghe iniziative.
Relatori
Michael Kahlo (Universität Leipzig, Deutschland): Strafrecht und Politik bei Kant
Benno Zabel (Universität Bonn, Deutschland): Die Kraft des Politischen. Zur Idee der Rechtskritik
Dieter Hüning (Universität Trier, Deutschland): Aufklärung und Emanzipation in Theodor Gottlieb von Hippels „Über die bürgerliche Verbesserung der Weiber”
Vanda Fiorillo (Università “Federico II“, Napoli): Der Naturzustand als Utopie der Gesellschaft ohne Staat. Der begriffliche Vorrang der Pflicht über den Zwang in der radikalen Aufklärung von Johann Adam Bergk
Giulio Maria Chiodi (Università dell’Insubria, Varese): La ricerca del bene comune: un paradosso della modernità
Giuseppe Limone (Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, Caserta): Politica, diritto, utopia: rovesciare un triangolo tradizionale per fare emergere una verità dimenticata
Luigi Alfieri (Università “Carlo Bo”, Urbino): Lo straniero come specchio
Giuliana Parotto (Università di Trieste): La giocosa crudeltà degli umanisti: Voegelin interprete di Moro
Antimo Cesaro (Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, Caserta): L’affrancamento della cultura dal ‘teorema dell’utilità’ ovvero il libro come spazio (politico) utopico
Maria Pia Paternò (Università “Federico II”, Napoli): Gaurdando indietro dal futuro: Edward Bellamy e i requisiti della società solidale
Domenico Scalzo (Università “Carlo Bo”, Urbino): Per un altro uso della politica. Intorno al pensiero di Giorgio Agamben
Gian Giacomo Vale (Università telematica “Niccolò Cusano”): Il complesso di Procuste e l’utopia stato-nazionale
Cintia Faraco (Università “Federico II”, Napoli): La communitas politica seu perfecta: Francisco Suárez
Ilaria Pizza (Università “Federico II”, Napoli): La funzione del politeuma nella costruzione simbiotica della Politica di Johannes Althsius
Antonio Iannuzzi (Università “Suor Orsola Benincasa”, Napoli):
Gianluca Dioni (Università “Federico II”, Napoli): «In Republica gubernando philosophia opus est». La figura del re filosofo nel giusnaturalismo di Christian Wolff