Walter ha depositato il suo testamento biologico, accompagnato da Mina Welby

0

“Sono qui – ha detto arrivato alla Cadorna con un mezzo della Croce Rossa – perchè amo la vita, ma non ho intenzione di morire intubato”.

Walter ha consegnato stamani il suo testamento biologico negli uffici comunali dello Sportello Unico alla Cadorna. Con lui c’era Mina Welby che continua nella battaglia iniziata dal marito Piergiorgio. Fantastici i funzionari del comune, che gli hanno evitato di salire le scale ed hanno predisposto tutto nel piazzale. Circondato dalle telecamere ha firmato il testamento biologico. Con lui Enzo Brogi, il suo avvocato Nicola Fumarola e il cugino Gigi Cacciapuoti.

“Sono voluta essere con Walter De Benedetto, che ho conosciuto qualche settimana fa grazie alla sua lettera al governo per aumentare la cannabis terapeutica in Italia, perchè credo che la legge sulle Disposizioni Anticipate di Trattamento del 2017 non sia ancora conosciuta come dovrebbe” ha detto Mina Welby, co-presidente dell’Associazione Luca Coscioni, oggi in comune ad Arezzo dove ha accompagnato Walter De Benedetto a depositare il suo  testamento biologico “Per poter godere dei propri diritti occorre conoscere le leggi, questa sulle DAT è poco conosciuta e, specie dopo l’impegno del ministro Speranza di istituire finalmente il registro nazionale dei testamenti biologici, occorre che questa possibilità sia conosciuta e sfruttata. Invito tutti quindi a compilare e depositare il proprio testamento biologico. Sul sito www.associazionelucacoscioni.it abbiamo preparato un modello adattabile alle varie preferenze ed esigenze”

In via ufficiosa è trapelata la notizia che il servizio sanitario nazionale, attingendo a un nuovo protocollo, ha aumentato a due grammi la dose di cannabis medica assegnata a Walter.