Arezzo – Alessandria. Pareggio ma è profonda crisi

0

Dopo un primo tempo terribile, con un gioco inesistente e una squadra impaurita, con gli schemi che saltano e i passaggi che non si vedono, il secondo ha visto qualche timido risveglio sulle spalle di Gori. Ma non basta.

L’Alessandria che è seconda in un girone di scalzacani (Monza a parte), ha giocato senza acuti e nonostante questo ha dominato il campo.

Gli amaranto sono in profonda crisi. Sembra un luogo comune, ma la crisi prima che nel campo a questo punto è negli spogliatoi. I giocatori sono tutti di buon livello, ma la squadra non riesce ad esprimere un gioco. Qualsiasi gioco. Un solo tiro in porta, un goal che ci restituisce un punticino.

Temo che l’ora delle decisioni irrevocabili non sia lontana

AREZZO (3-5-2): 1 Pissardo; 4 Nolan (6′ st 27 Baldan), 13 Ceccarelli, 16 Luciani; 7 Belloni (24′ st 14 Piu), 8 Foglia, 29 Tassi (6′ st 20 Caso), 31 Volpicelli (28′ st 21 Benucci), 19 Corrado; 10 Cutolo, 18 Gori.
A disposizione: 22 Daga, 2 Mosti, 3 Sereni, 5 Borghini, 9 Mesina, 11 Zini, 28 Raja, 30 Cheddira.
Allenatore: Carlo Tebi (Daniele Di Donato squalificato).
Diffidati: 16 Luciani. Indisponibili: 6 Picchi, 24 Burzigotti, 33 Dell’Agnello. Squalificati: 23 Rolando (un turno).

ALESSANDRIA (3-5-2): 1 Valentini; 3 Sciacca, 33 Cosenza, 19 Prestia; 18 Cleur, 16 Casarini (31′ pt 4 Chiarello), 24 Sulijc, 14 Gazzi (33′ st 8 Castellano), 20 Cambiaso (23′ st 5 Dossena); 17 Pandolfi, 9 Eusepi (23′ st 11 Sartore).
A disposizione: 22 Crisanto, 2 Ponzio, 6 Gilli, 7 Akammadu, 13 Gerace, 15 Gjura, 25 M’Hamsi.
Allenatore: Cristiano Scazzola.
ARBITRO: Enrico Maggio di Lodi (Salvatore Emilio Buonocore di Marsala – Pietro Lattanzi di Milano).
RETI: pt 43′ Eusepi; st 13′ Gori.
Note – Recupero: 2′ + ‘. Angoli: . Ammoniti: st 18′ Cleur, 31′ Foglia, 36’ Luciani.