L’Arezzo stravince ma convince poco

0

L’Arezzo doveva affrontare una Pro Patria che usciva da un tour de force di tre partite in otto giorni con una sconfitta.

Dopo un primo tempo abbastanza equilibrato, l’Arezzo passa al 25’ pt con Gori (gran sinistro in corsa),  risalgono subito, al 28’ pt, grazie alla girata di Defendi sul servizio di Ghioldi, la Pro Patria crolla nella ripresa, sotto le giocate di Cutolo, incapaci poi di reagire con profitto.

Già al 9’, Cutolo buca barriera e Tornaghi con una sassata su punizione da 20 metri.

Tris toscano al 24’: guizzo di Cutolo e zampata di Gori, autore così di una doppietta.

Arezzo – Pro Patria 3-1 (1-1)

AREZZO (3-5-2): Pissardo; Luciani, Nolan, Baldan; Piu (38’ st Mosti), Foglia, Volpicelli (31’ st Tassi), Rolando, Belloni (24’ st Ceccarelli); Cutolo (38’ st Cheddira), Gori. A disposizione: Daga, Mesina, Sbarzella, Caso, Benucci, Sussi, Raja, Dell’Agnello. Allenatore: Di Donato.

PRO PATRIA (3-5-2): Tornaghi; Molnar, Lombardoni, Boffelli; Cottarelli, Colombo (35’ st Brignoli), Bertoni, Ghioldi (23’ st Parker), Galli (35’ st Masetti); Defendi (23’ st Kolaj), Mastroianni (23’ st Le Noci). A dispozione: Angelina, Marcone, Battistini, Spizzichino, Molinari, Ferri. Allenatore: Javorcic.

Arbitro: Monaldi di Macerata (assistenti: Di Monte di Chieti, Ciancaglini di Vasto).

Marcatori: pt Gori (A) al 25’, Defendi (P) al 28’; st Cutolo (A) al 9’, Gori (A) al 24’.

Note Spettatori 2.000. Ammoniti: Luciani al 30’pt, il tecnico di casa Di Donato al 44’ pt, Ghioldi al 3’ st, Molnar al 44’ st. Angoli: 2-3. Recupero: pt 2’, st 4’.