Coingas: partita l’azione per annullare le convenzioni al centro delle indagini e promuovere le azioni giudiziarie eventualmente necessarie al riguardo

0

La decisione è stata adottata ieri mattina dall’assemblea dei soci di Coingas

Mandato per promuovere iniziative volte ad accertare la possibilità di annullare le convenzioni oggetto di indagine. La proposta è partita dal Comune di Arezzo: sì a un’azione di nullità delle consulenze

Presenti il sindaco di Arezzo, insieme al segretario generale Franco Caddi, i sindaci o loro delegati di Bibbiena, Capolona, Civitella, Lucignano e Sansepolcro.

In aggiunta, è stato deliberata la costituzione di un gruppo di lavoro in appoggio all’amministratore unico, “informazioni in merito alla definizione dei Patti Parasociali fra i soci Estra”, la “presentazione del progetto ‘Anticorruzione e trasparenza’ a cura dell’avvocato Gabriele Martelli ed “eventuali deliberazioni da assumere in ordine alle indicazioni proposte da alcuni soci a seguito delle indagini giudiziarie in corso”. “Dopo aver esaminato vari punti all’ordine del giorno legati all’ordinaria amministrazione”, dichiara la società in una nota, “l’assemblea ha deliberato (con l’unica astensione del Comune di Monte San Savino) di promuovere un’azione di nullità e/o annullabilità delle convenzioni oggetto di indagine da parte della magistratura e di promuovere le azioni giudiziarie eventualmente necessarie al riguardo. All’assemblea era rappresentato più dell’80% del capitale sociale”.

Coingas chiederà quindi la nullità delle consulenze fatte nel corso dell’ultimo anno e mezzo oggetto di indagine promuovendo le azioni giudiziarie eventualmente necessarie. Spetterà in quest’ultimo caso al giudice dire se queste sono ineccepibili o nulle. I tempi saranno quelli per studiare le pratiche e preparare atti per la procedura da mandare avanti.