Tenta di rapinare una donna all’interno del parco Pionta: arrestato

0

Un altro uomo, evaso dai domiciliari, e’ stato bloccato e condotto in carcere.

Preso anche il complice fuggito del furto presso il distributore e la societa’ calcistica della scorsa notte.

Nella giornata dii ieri i Carabinieri della Compagnia di Arezzo hanno proceduto all’arresto di due persone.

Il primo arresto è stato effettuato dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile nei confronti di un cittadino del Bangladesh, classe 1988, pregiudicato, il quale aveva tentato di rapinare una donna all’interno del parco Pionta.

L’uomo,  nel primo pomeriggio, ha avvicinato la vittima, una ragazza di 19 anni che era all’interno del parco chiedendole dei soldi. Al suo rifiuto, il rapinatore l’ha scaraventata a terra, procurandole diverse escoriazioni, con l’intento di strapparle la borsa. Alla vista della scena violenta, alcuni passanti hanno allertato i Carabinieri, i quali, giunti sul posto nell’immediatezza, hanno bloccato l’uomo traendolo in arresto.

L’arrestato, su disposizione dell’A.G., è stato così portato nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale dei Carabinieri di Arezzo in attesa di rito direttissimo.

Il secondo arresto è stato eseguito nei confronti di un uomo italiano, classe 1991, il quale era evaso da una comunità nel comune di Capolona dove stava scontando gli arresti domiciliari per i reati di furto e rapina. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile e quelli della Stazione di Arezzo, tempestivamente allertati dell’evasione, sono riusciti ad individuarlo e bloccarlo presso la Stazione ferroviaria di Arezzo, dove lo stesso stava per prendere un treno. Informata della violazione della misura cautelare, l’A.G. ha disposto l’aggravamento della stessa e, nella giornata di ieri, l’uomo è stato  così condotto dai Carabinieri della Stazione di Subbiano presso la casa circondariale di Arezzo per continuare a scontare la pena.

Nel tardo pomeriggio di ieri, è finita la fuga del complice del ladro arrestato dopo il furto avvenuto la notte scorsa presso un distributore di benzina e la sede della società calcistica Olmoponte di Arezzo.

L’uomo, cittadino rumeno classe 1996, è stato rintracciato nei pressi del Comune di Bastia Umbra dai Carabinieri della Compagnia di Assisi, con la collaborazione di quelli della Compagnia Carabinieri  e della Questura di Arezzo, che avevano già congiuntamente eseguito il primo arresto.

Il giovane rumeno è stato sottoposto a fermo di indiziato di delitto per il reato di furto in concorso.