Arezzo Casa: la Lega cerca disperatamente di evitare il voto segreto

1

Richiesta un’assemblea straordinaria per modificare lo statuto

Probabilmente l’assessore Nisini è cosciente che l’imposizione della sua volontà, attraverso la nomina di Lorenzo  Roggi espressione della Lega ma pur sempre esponente di spicco di Casa Pound come presidente, sta restando indigesta alla sua stessa coalizione e deve assolutamente evitare il voto segreto, che potrebbe presentare qualche brutta sorpresa.

Il presidente indicato dalla Lega esponente di Casa Pound

Per evitare che i mal di pancia, per ora espressi soltanto con le parole, si trasformino in voti contrari nel segreto dell’urna, ha chiesto la convocazione di un’assemblea per modificare la modalità, passando dal voto segreto al voto palese.  In questo modo sarà assai piu’ facile controllare la volontà dei votanti che non potrebbero sottrarsi al controllo della lista di appartenenza.

Credo che la strada intrapresa sia invece tutta in salita. Se è difficile ottenere maggioranze qualificate per poter modificare lo statuto, è ancor piu’ difficile riuscire ad arrivare in fondo con questa strategia.