La convenzione tra l’amministrazione comunale e l’ordine degli avvocati

2

Dopo la fase sperimentale, amministrazione comunale e ordine degli avvocati hanno rinnovato il loro protocollo per continuare nella collaborazione rivolta ad accompagnare i cittadini nel complicato e vastissimo mondo legato alle questioni di tipo legale. Lo Sportello del cittadino, non a caso aperto presso lo Spazio Famiglia, in questi anni ha supportato, grazie alla professionalità dell’ordine degli avvocati, i cittadini aretini che avevano da porre questioni in merito a problematiche sempre più emergenti quali la interdizione, la inabilitazione, l’amministrazione di sostegno, le separazioni, i divorzi, gli accordi di convivenza, gli alimenti e il mantenimento, le adozioni, la tutela dei soggetti e dei minori. Tutte tematiche di interesse generale che sempre più spesso vedono coinvolgere molti cittadini ma che altrettanto spesso lasciano i cittadini in uno stato di incertezza e anche di insicurezza. Da qui la volontà di aprire lo sportello proprio per orientare le persone, aiutarle, correttamente indirizzarle al fine di renderle consapevoli e sostenerle in momenti di dubbi e difficoltà.

Con il rinnovo della convenzione, proprio su suggerimento dell’ordine, si è aggiunta una nuova categoria di supporto, che consolida e diffonde l’informazione all’utenza legata alle vittime di reato, attivando quindi un luogo di informazione prezioso nella prima fase di presa di consapevolezza dei reati subiti. “Con questo rinnovo – ha dichiarato l’assessore Lucia Tanti – Arezzo si configura ancora una volta come una città sicura e coesa, capace di declinare in tutte le articolazioni il concetto di politiche sociali, alla persona e alla famiglia, in un’ottica che vede l’amministrazione alleata, in questo caso particolare, con un importante ordine professionale quale quello degli avvocati aretini. In questi anni la giunta Ghinelli ha sdoganato le politiche sociali dal solo ambito delle politiche legate alla povertà per far loro assumere un ruolo strategico che sempre più si articola come quello dei servizi e dei diritti legati alla persona e alla famiglia”.

“L’ordine degli avvocati – ha aggiunto Enrico Burali presidente del consiglio dell’ordine – concorda pienamente con gli obiettivi che si è prefissato il Comune di Arezzo e quindi conferma la propria disponibilità e collaborazione per il loro raggiungimento tramite il rinnovo della convenzione relativa allo Sportello del Cittadino. Auspichiamo anche che ogni ulteriore forma di collaborazione possa essere attuata con l’amministrazione comunale”.​