Consiglio Comunale 17 giugno 2019

0
Imposta comunale sulla pubblicità, tassa o canone per l’occupazione di spazi e aree pubbliche, Tari e Tares: sono le tipologie di entrata che se non riscosse a seguito di ingiunzioni di pagamento notificate negli anni, variabili a seconda della tassa o imposta, dal 2000 al 2017 ricadranno adesso nella cosiddetta definizione agevolata. Siamo dunque già in fase coattiva, l’istituto non si applica agli avvisi di accertamento.

Il Consiglio Comunale ha infatti approvato una delibera, proposta dall’assessore al bilancio Alberto Merelli, dei cui contenuti potranno beneficare i cittadini raggiunti dal suddetto provvedimento di ingiunzione: sarà così sanata la posizione fiscale verso il Comune pagando la somma richiesta ma non la sanzione.

L’istanza di definizione agevolata deve essere presentata entro il 31 luglio con una pec a [email protected] o una mail a [email protected] o un fax allo 0575/907821 o una raccomandata con avviso di ricevimento spedita a I.c.a. srl via Ristoro d’Arezzo 76 Arezzo o infine con la consegna brevi manu al concessionario all’indirizzo sopra citato. Il modulo per la presentazione dell’istanza sarà presto disponibile sul sito del Comune di Arezzo.

Entro il 20 settembre, I.c.a. srl dovrà comunicare gli esiti dell’istruttoria e a questo punto, se l’istanza è stata accolta, per il cittadino si aprono due strade: o il pagamento in un’unica soluzione o a rate. L’unica soluzione è tuttavia obbligatoria per somme fino a 500 euro e il termine di pagamento scade il 30 settembre. Sopra i 500 euro resta sempre la possibilità di pagare tutto e subito oppure rateizzare fino a un massimo di sei rate quadrimestrali, la prima entro il 30 settembre mentre l’ultima scadrà comunque il 31 maggio 2021. In questo secondo caso, attenzione agli interessi legali che saranno ovviamente applicati.

Il Consiglio Comunale ha inoltre ricostituito il plenum della magistratura della Giostra del Saracino, atto che si è reso necessario dopo le dimissioni di Sauro Colizzi. È stato eletto Andrea Seri che va ad affiancarsi a Marco Cecchi, Mauro Messeri, Luca Bizzarri, Laura Paffetti, Roberto Tundo, Marco Salvadori, Angiolo Agnolucci, Gino Ciofini, Andrea Sandroni.