Sempre caro mi fu quest’ermo colle…

0

Duecento anni fa Giacomo Leopardi componeva l’Infinito.  A Recanati, in occasione della Giornata della poesia, quattro giorni di eventi

Il prossimo 21 marzo, Giornata internazionale della Poesia -che segna anche l’inizio della primavera- Recanati sarà, fino al successivo 24, al centro di una serie di iniziative, tese anche alla celebrazione del giorno in cui venne realizzato l’Infinito, che il grande poeta  scrisse proprio in questa città, dove era nato nel giugno dl 1798.

Il capolavoro, forse il componimento più famoso del poeta, venne composto nel 1819 ed inserito com’è noto tra i Piccoli realizzati tra il 1819 e il ’21; oltre ad essere una sublime espressione artistica sul versante poetico di un romanticismo intimo ma grandioso, allo stesso tempo riflessivo e travolgente, l’Infinito si presta da sempre a numerose letture ed interpretazioni, di carattere figurativo, filosofico, psicologico, qualcuno ha pensato perfino religioso in senso finalistico, a testimonianza della complessità tanto della sua genesi, quanto della sua elaborazione  (si sa che il poeta ebbe a ritrascriverlo più volte) quanto della sua valenza di significati, che penetra davvero i meandri più ampi delle arti, come frutto delle infinite espressioni della creatività umana, ma soprattutto tema basilare della riflessione leopardiana circa il rapporto Uomo Natura, ancor oggi di una modernità sorprendente.

Non a caso verranno nella città marchigiana a parlarne studiosi ed esperti di rami differenti della cultura e dell’arte, cioè Remo Anzovino, Umberto Bottazzini, Paolo Crepet, Sergio Givone, Davide Rondoni, Vittorio Sgarbi, Samuel dj set from Subsonica, Antonino Zichichi, che animeranno gli incontri approfondendo il tema dell’infinito in tutte le arti. Ad aprire la manifestazione interverrà anche il Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca, Marco Bussetti.

Va sottolinato che le manifestazioni previste in questi quattro giorni rientrano in realtà in un progetto più ampio, intitolato proprio “l’Infinito Leopardi”, che si prolungherà per tutto il 2019, tra mostre, conferenze, spettacoli, pubblicazioni, e che è incentrato  sull’esposizione straordinaria nel museo civico di Villa Colloredo Mels, a Recanati, del manoscritto de L’Infinito di proprietà del Comune di Visso, che però potrà essere visto solo fino al 19 maggio. Si tratta in ogni caso di un’occasione unica e imperdibile per ammirare il manoscritto originario dal vivo.

Per il programma completo www.infinitorecanati.it