Intemperanze al dormitorio: non vanno minimizzate, ma altresì non vanno creati inutili allarmismi

0

Dormitorio di piazza san Domenico: giudizio positivo dal Comune di Arezzo e dalla Caritas diocesana. “Un solo evento critico nei mesi di apertura. Non va minimizzato, ma altresì non vanno creati inutili allarmismi

Vi è stato un incontro questa mattina, in Palazzo comunale, tra l’Amministrazione comunale e la Caritas per fare il punto della situazione sul dormitorio di piazza san Domenico, anche alla luce di quanto accaduto sabato scorso. L’amministrazione comunale era rappresentata dall’assessore alle politiche sociali Lucia Tanti, dal dirigente Silvana Chianucci, dal funzionario Paola Garavelli e dal vicecomandante della polizia locale Aldo Poponcini.

La prima cosa che mi preme sottolineare – ha dichiarato Lucia Tanti – è che sull’esperienza del dormitorio ci accomuna un giudizio positivo. Da lunedì 3 dicembre, domenica prossima saranno dunque tre mesi, sono trascorse molte notti e dall’apertura della struttura abbiamo avuto un solo evento critico. Ci pare di poter dire che quest’ultimo non fa ‘giurisprudenza’ e che la situazione sia più che sotto controllo. Stiamo dimostrando che risposte solidali e rispetto delle regole stanno bene insieme e sono un punto fermo per le politiche di coesione sociale. Questo anche grazie agli agenti della polizia locale che si sono impegnati a garantire la loro disponibilità a essere presenti quotidianamente, sia durante la fase degli ingressi notturni che della riapertura mattutina. Adesso ci aspetta lo sprint finale e in quest’ultimo scorcio di tempo, la chiusura è infatti prevista il 7 aprile, coinvolgeremo anche le unità di strada in una proficua collaborazione sempre con Caritas”.

La Caritas diocesana, presente all’incontro con il direttore ed i suoi più stretti collaboratori, ha rinnovato la collaborazione con il Comune di Arezzo nell’espletamento di questo servizio a favore dei senza tetto e, pur dispiacendosi per l’episodio accaduto, da parte in particolare di un ospite, intende manifestare il proprio riconoscente apprezzamento per i volontari che garantiscono – ogni sera – il servizio del dormitorio e a coloro che vigilano sul monitoraggio e controllo del servizio. “Intendo rassicurare tutti coloro che, preoccupati per l’episodio di sabato scorso, guardano con rinnovata attenzione al dormitorio di piazza san Domenico – ha spiegato mons. Giuliano Francioli, direttore della Caritas diocesana. La situazione è assolutamente sotto controllo e non presenta alcuna criticità. Il servizio va avanti regolarmente fino alla scadenza del 7 aprile, riuscendo ogni sera a garantire un letto fino a ventiquattro persone che lo richiedono”.