La Regione dirama l’allerta meteo livello arancio. Rischio neve sull’alta Valle del Tevere.

0

Nelle prossime ore è prevista neve anche a bassa quota. La Regione Toscana ha emanato lo stato di allerta meteo neve/ghiaccio, con codice giallo per la giornata di oggi, e con codice arancio per quella di domani (martedì 22 gennaio).

In particolare, nella giornata odierna è possibile la formazione di un sottile strato di neve sulle strade in pianura, che può raggiungere alcuni centimetri per quelle in collina, con possibili disagi e problemi per la circolazione stradale.

Per domani è previsto il formarsi di uno strato di neve di alcuni centimetri in pianura e di diversi centimetri in collina, con permanenza di ghiaccio da neve diffuso. Diffusi problemi alla circolazione stradale, e possibili i danni alle strutture leggere e caduta di rami. Tali fenomeni si manifesteranno con maggiore intensità tra le ore 12 e le ore 24 di domani.

Di per sé nulla di straordinario, se non fosse per la criticità nata in seguito alla chiusura della E45, che ha spostato sulle strade ordinarie e sui valichi gran parte del traffico.

In particolare vi sono forti preoccupazioni per il valico di via Maggio e per i Mandrioli. I sindaci dei comuni interessati stanno predisponendo il sale, ma è impensabile lasciare sulle loro spalle la gestione straordinaria della emergenza.

Non è ancora ben definita la situazione del meteo, che sta evolvendo di ora in ora, forse anche smorzando le preoccupazioni iniziali che davano abbondanti nevicate fino a quote basse. Resta però il rischio di trovarsi a gestire l’ingestibile in una situazione di drammatica emergenza che ci fa tornare alla mente le tragedie del nostro recente passato.

Viste le precipitazioni nevose attese per le prossime ore, Sei Toscana comunica che potrebbero verificarsi disagi per la circolazione dei mezzi dedicati alla raccolta e al trasporto dei rifiuti ed al ritiro degli ingombranti. Il personale di Sei Toscana è a lavoro per gestire al meglio le possibili emergenze, cercando di assicurare il servizio compatibilmente con le diverse condizioni che potrebbero verificarsi nei comuni del territorio servito.