Arezzo Città del Natale, vince e convince Ma è già tempo di pensare al futuro

0

Nella città toscana, quattro fine settimana all’insegna del sold out con arrivi in continua crescita e picchi da record

Comanducci: “L’evento ha raggiunto una dimensione enorme, è indispensabile dare organicità alla gestione e lavorare con un’unica regia. Dopo quattro anni di fidanzamento è arrivato il momento di sposarsi”

E’ un bilancio da capogiro quello che si può stilare a metà di “Arezzo Città del Natale”, il calendario di appuntamenti che ha preso il via lo scorso 17 novembre e che prosegue fino al 6 gennaio. Sono già quattro i fine settimana all’insegna del sold out con arrivi in continua crescita e picchi da record.

Tutto esaurito ovunque con un’invasione pacifica e felice che ha visto Arezzo tra le mete più visitate della Toscana. Impossibile trovare una camera per restare l’8 dicembre in città, file ai ristoranti e ai bar, file alle attrazioni proposte dal calendario di Arezzo Città del Natale e file anche ai musei, alle mostre e agli spazi culturali. Uno spettacolo bellissimo fatto di tante persone arrivate da ogni parte d’Italia con code in autostrada già dal mattino e parcheggi sempre pieni.

Un risultato che rende soddisfatti ma che porta anche a riflettere: a questo punto è indispensabile dare organicità e organizzazione a tutte le iniziative che caratterizzano il Natale di Arezzo. Si richiede un salto di qualità che necessariamente vedrà in prima linea la Fondazione Arezzo Intour, organo che sempre più dovrà essere rappresentativo dell’intera provincia grazie ai tanti soci privati che stanno aderendo.

A lei, in condivisione con gli altri partner storici e tutti coloro che vorranno prendere parte al progetto, spetteranno il coordinamento e la regia di tutte le attività di gestione, dall’organizzazione al marketing, dalla comunicazione alle offerte di intrattenimento, dalla promozione a un obbligatorio allineamento di date e orari di apertura delle attività e non ultimo il tentativo di risolvere l’annosa questione delle luminarie in tutta la città.

“La gestione di flussi turistici così consistenti – commenta Marcello Comanducci, assessore al turismo e presidente della Fondazione Arezzo Intour –, comporta ingenti spese ed energie da parte del Comune e dalla Fondazione Arezzo Intour per fornire supporto, sicurezza ed accoglienza. È necessario che cambi il rapporto con coloro che vogliono essere partner dell’evento: la Città del Natale porta grandi benefici ad Arezzo, ma per crescere dobbiamo essere compatti e coordinati. Dopo quattro anni di un fidanzamento che ha indiscutibilmente portato ad altrettante edizioni di successo, è arrivata l’ora di fare lo step successivo, ovvero sposarsi. Questo significa lavorare in maniera coordinata alla Città del Natale 2019 già dal prossimo febbraio, puntando su nuove attrazioni e partnership, creando pacchetti e offerte mirate, unendo le attrazioni del Natale alla visita del nostro straordinario patrimonio culturale. Sarà questo un passo fondamentale per far aumentare le presenze infrasettimanali e puntare in modo concreto anche al periodo post Natalizio. Non è più pensabile gestire tutto questo lavoro con tanti attori ciascuno dei quali ha obiettivi diversi e responsabilità differenti. Il visitatore che viene ad Arezzo Città del Natale partecipa a un evento unico che deve essere gestito con una regia chiara e unitaria”.

“Arezzo Città del Natale è un progetto che vince e convince – continua Marcello Comanducci –.  I risultati raggiunti sono importanti e premiano un impegno eccellente che dobbiamo comunque ottimizzare e migliorare. La manifestazione ha ormai un enorme eco nazionale che ha destato l’interesse di altri possibili interlocutori. Ad esempio ci sono mercatini internazionali che si sono già fatti avanti. Non possiamo che prendere atto di un grande lavoro svolto finora: ma questo non basta più. Adesso la città tutta deve crescere, puntare a un miglioramento qualitativo, con l’orgoglio di chi sta contribuendo a portare Arezzo con le sue bellezze sotto i riflettori di un pubblico sempre più ampio, capace di invertire il trend negativo che fino a pochi anni fa condannava questo periodo a bassa stagione”.

E Arezzo Città del Natale 2018 prosegue a pieno ritmo: nel “Christmas village” del Prato la ruota e la pista di pattinaggio sono aperte ogni giorno. Tutte le informazioni su www.arezzocittadelnatale.it.