FRANCO MARINONI, DIRETTORE DI CONFCOMMERCIO TOSCANA, SCRIVE A SIMONA NERI

0

A Pergine Valdarno la neo sindaca del Comune unico Simona Neri, è bersaglio di attacchi feroci e sessisti di ignoti che di notte vanno in giro per il borgo tappezzando cassonetti dei rifiuti e lampioni con locandine e volantini a dir poco volgari.

“La mamma degli imbecilli è sempre incinta” ma quello che conta in questo caso è prendere nettamente le distanze, sottolineandone tutta la meschinità, inopportunità e volgarità gratuita, da un episodio che va oltre il diritto alla critica, anche satirica, soprattutto perché codardo, anonimo e privo di qualsiasi senso logico e collegamento con la realtà.
Certo, è facile stigmatizzare episodi così eclatanti, resta invece un grande lavoro da fare, nel quotidiano, per evitare che il sessismo – atteggiamento subdolo e insinuante più di quanto non si pensi – prenda il sopravvento e metta all’angolo le donne per partito preso, negli ambienti di lavoro come in famiglia, con argomenti che nulla hanno a che fare con le loro capacità e la loro dignità.
Simona Neri si merita tutta la solidarietà di questo mondo come persona, come donna, come soggetto politico e come amministratore capace. E soprattutto se la merita da tutti coloro che hanno un ruolo pubblico, non solo dalla sua parte politica (e per questo benissimo ha fatto il presidente della provincia a prendere posizione) o dalle donne.
Come uomo, e come dirigente del sistema imprenditoriale estraneo alla politica voglio esprimere tutta la solidarietà, la stima e l’affetto nei confronti di una bella persona come Simona.”