Che partita a Novara, finisce 2-2

0

Terza partita settimanale per Dal Canto che deve rinunciare a Belloni, Pelagatti e Serrotti. Gli amaranto soffrono come mai in stagione, vanno sotto all’ultimo minuto del primo tempo (rete di Bianchi su azione d’angolo) ma agguantano il pari con Brunori a inizio ripresa. Poi subiscono gli assalti, continui ma inefficaci, dei padroni di casa. All’89’ Cutolo, in contropiede, firma il raddoppio. Sembra finita ma ancora Bianchi, in mischia, trova il gol del pari

Dal Canto sorprende tutti e cambia sei undicesimi di formazione rispetto a mercoledì: in difesa rientra Luciani, mentre Borghini e Varutti prendono il posto di Pelagatti (in panchina per noie muscolari) e Sala. In mediana si rivede Tassi, sulla trequarti fa il debutto assoluto l’italo albanese Keqi. Davanti gioca Persano, capitan Cutolo va in panca pronto per uno spezzone. Il Novara si affida ai pesi massimi in attacco per ritrovare la vittoria interna che manca da sette mesi: Viali fa giocare Eusepi e Cacia.

L’Arezzo, in completo bianco, prende in mano la partita, conquista tre angoli ma Di Gregorio resta inoperoso. A cavallo della mezz’ora, viene fuori il Novara: Buglio, Varutti e Pinto rimediano tre ammonizioni nel giro di sei minuti, mentre il match si anima. Pelagotti, alla resa dei conti, rischia solo su un colpo di testa di Bove (palla proveniente dalla bandierina). Sterili gli amaranto, al tiro pericolosamente con Brunori al minuto 40 (punizione alta).

Il primo tempo sembra chiuso, ma il Novara ha il sussulto decisivo: Pelagotti alza sulla traversa un tiro di Schiavi destinato all’incrocio. Ma poi, sul corner seguente, nulla può sulla deviazione ravvicinata di Bianchi che con il tacco la mette dentro dopo il colpo di testa di Chiosa. Gli amaranto sono sotto.

Dal Canto toglie Varutti (ammonito) e fa entrare Sala. Brunori al 7′ si conquista una punizione ottima dai venti metri, che Foglia calcia addosso alla barriera per poi rimandarla in area al secondo tentativo. Proprio Brunori è il più vispo a stoppare, girarsi e trovare il varco giusto: nulla da fare per Di Gregorio, pareggio amaranto e terzo gol stagionale per il centravanti.

Entra Cutolo, mentre il Novara reagisce soprattutto con il fisico, facendo valere muscoli e centimetri. L’Arezzo non è brillantissimo, soffre la pressione e rischia di tornare sotto al 19′, quando il diagonale di Cinaglia esce a un palmo dal palo. Dal Canto allora toglie Tassi e manda dentro Basit. La gara è più equilibrata, agli amaranto manca il solito possesso ficcante mentre Pelagotti dice no a un sinistro di Schiavi dal limite.

Tra una sofferenza e uno sbuffo ci si avvia alla fine. Invece Sala recupera palla e manda Cutolo in profondità sulla sinistra. Il capitano vince il primo contrasto con un avversario e poi calcia forte e teso da posizione defilata: Di Gregorio non è impeccabile e la palla gli s’insacca dietro la schiena, proprio davanti al settore ospiti colorato d’amaranto. L’arbitro concede 4 minuti di recupero e per l’Arezzo sono fatali: Luciani si fa saltare ingenuamente da Schiavi che la mette in area, Eusepi fa sponda e Bianchi, ancora lui, azzecca la volée vincente. Finisce 2-2, un pari che lascia l’amaro in bocca visto l’epilogo ma che l’Arezzo si è conquistato con sudore, soffrendo come mai in stagione.

 

Novara. Stadio ”Silvio Piola”, ore 16.30.

NOVARA (3-5-2): 12 Di Gregorio; 2 Tartaglia, 6 Chiosa, 3 Bove; 19 Cinaglia (28′ st 8 Sciaudone), 16 Bianchi, 14 Ronaldo, 5 Schiavi, 29 Mallamo (25′ st 30 Cattaneo); 21 Cacia, 9 Eusepi.

A disposizione: 1 Benedettini, 31 Drago, 4 Fonseca, 10 Peralta, 11 Stoppa, 20 Nardi, 24 Cordea, 26 Sbraga.

Allenatore: William Viali.

AREZZO (4-3-1-2): 22 Pelagotti; 16 Luciani, 33 Borghini, 26 Pinto, 3 Varutti (1′ st 32 Sala); 29 Tassi (19′ st 13 Basit), 8 Foglia, 4 Buglio; 28 Keqi; 19 Persano (11′ st 10 Cutolo), 9 Brunori.

A disposizione: 1 Melgrati, 2 Zappella, 5 Mosti, 6 Pelagatti, 7 Zini, 17 Salifu, 24 Burzigotti, 25 Choe, 27 Bruschi.

Allenatore: Alessandro Dal Canto.

Indisponibili: 11 Serrotti, 14 Danese, 15 Nije, 21 Benucci, 39 Belloni.

ARBITRO: Daniele Paterna di Teramo (Alessandro Maninetti di Lovere – Moreno De Ambrosis di Busto Arsizio).

NOTE: spettatori presenti circa 1.500. Ammoniti: pt 23′ Buglio, 25′ Varutti, 29′ Pinto; st 9′ Schiavi, 17′ Sala, 34′ Cutolo. Angoli: 10-4. Recupero tempi: 0′ e 4′

RETI: pt 45′ Bianchi; st 7′ Brunori, 44′ Cutolo, 48′ Bianchi